“La Darsena ritrovata. Le Vie d’Acqua”. Expo Milano 2015 ridisegna la città e i suoi dintorni. Ecco l’anello verde-azzurro

Percorsi ciclopedonali, aree verdi, passeggiate lungo i canali, al riparo dalle auto e dal traffico. Aree per bambini e famiglie. Expo Milano 2015 ridisegna la città e i suoi dintorni. Lo spettacolo “La Darsena ritrovata. Le Vie d’Acqua”, andato in scena il 5 febbraio al Teatro Dal Verme, ha tuffato i milanesi nel futuro della loro città.

 

Expo Milano 2015 ha scelto la formula dello spettacolo teatrale per spiegare uno dei più grandi progetti di valorizzazione ambientale che interesserà Milano e la Lombardia. Le Vie d’Acqua e la riqualificazione della Darsena saranno l’eredità, il segno tangibile che l’Esposizione Universale lascerà alla città e al territorio.

Dalle Dighe di Panperduto al Naviglio Grande e alla Darsena, toccando Parco delle Groane, Villa Arconati, Cascina Merlata, Parco di Trenno, Parco delle Cave, Parco Expo, Boscoincittà e Parco Parri. Sono le tappe del viaggio simbolico raccontato attraverso le riflessioni e le suggestioni di alcuni protagonisti della vita milanese: Philippe Daverio, Gualtiero Marchesi, Salvatore Veca, Piergaetano Marchetti, Luca Doninelli, Livia Pomodoro, Fedele Confalonieri, Umberto Veronesi, Umberto Eco e la compagnia dei Legnanesi.

Allo spettacolo, diretto dalla regista Andrée Ruth Shammah, sono intervenuti anche il Commissario generale dell’Expo Milano 2015 Roberto Formigoni, il Commissario straordinario del Governo Italiano per Expo Milano 2015 Giuliano Pisapia e l’Amministratore Delegato di Expo 2015 SpA Giuseppe Sala.

Regione Lombardia sta sviluppando grandi progetti per il recupero dell’intero sistema dei Navigli, con un investimento di 100 milioni di euro dal 2005 a oggi”, ha ricordato Roberto FormigoniGiuliano Pisapia si è soffermato sulla riqualificazione della Darsena: “Questa è la volta buona: sono anni che se ne sente parlare, con decine e decine di progetti, ora il sogno diventa realtà”. Giuseppe Sala ha invece illustrato il progetto Vie d’Acqua: “Grazie a un canale di 20 km faremo rincontrare il Villoresi e il Naviglio a nord. Forniremo acqua ai terreni agricoli rinforzando e regolando il flusso d’acqua che arriva alla Darsena”.

Con 22 chilometri di piste ciclabili, percorsi pedonali, verde e acqua, il progetto Vie d’Acqua mira alla valorizzazione paesaggistica e ambientale degli spazi aperti dell’Ovest Milanese e della rete irrigua storica della città. Grazie alla creazione di un nuovo canale (il nuovo secondario Villoresi), il sito di Expo Milano 2015 diventerà lo snodo di un’innovativa rete di mobilità dolce e sostenibile che lo collegherà a Milano e al territorio.

Accanto al nuovo canale che unirà il Villoresi al Naviglio Grande correrà un circuito ciclabile di circa 125 chilometri: il nuovo anello verde-azzurro partirà dalle Dighe di Panperduto e arriverà, lungo il Villoresi, al Parco delle Groane e al Naviglio Grande, per tornare indietro seguendo l’alzaia.

 

Guarda anche: La Darsena ritrovata su Twitter | Il video del progetto | Il video racconto della giornataLe foto dello spettacolo | La conferenza stampa | Il reportage di Lorenza Daverio

 

"La mia Expo" raccontata da: Umberto Veronesi | Livia Pomodoro | Salvatore Veca | Gualtiero Marchesi | Bruno Ermolli | Lucia De Cesaris | Diana Bracco | Gabriele Albertini

Febbraio142012