Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Autore:

Slow Food

Slow Food è un’associazione internazionale che lavora in tutto il mondo per tutelare la biodiversità, costruire relazioni tra produttori e consumatori, migliorare la consapevolezza sul sistema che regola la produzione alimentare. Nel mondo, Slow Food conta sul supporto di milioni di sostenitori – produttori, cuochi, consumatori, attivisti, giovani – e di 100.000 soci attivi. L’associazione internazionale è presente in oltre 150 Paesi, dove è organizzata in 1.500 gruppi locali – le Condotte Slow Food. Da sempre, sostiene il lavoro dei piccoli agricoltori che hanno dato vita alla rete di Terra Madre, composta attualmente da circa 2000 comunità del cibo. Grazie al progetto dell’Arca del Gusto sono stati individuati oltre 2.000 prodotti a rischio di scomparsa, e sono stati realizzati quasi 1.500 orti nelle scuole e nei villaggi africani, lavorando per garantire alle comunità cibo fresco e sano, ma anche per formare una rete di leader consapevoli del valore della propria terra e della propria cultura.
 

Malesia. Il Paese dove Salgari ambientò le avventure di Sandokan

Sostenibilità / Slow Food Andrea Cascioli

Oggi è un Paese dinamico, al cui interno etnie e culture diverse compongono un mosaico di tradizioni. I sapori intensi della gastronomia locale lo testimoniano meglio di qualunque altro aspetto della quotidianità.

São Tomé e Príncipe. Un arcipelago baluardo di biodiversità

Sostenibilità / Slow Food Sara Zavagno

Un’isola così piccola (un arcipelago in realtà) che si vede a malapena sul mappamondo. Nonostante la sua dimensione il paese è baluardo di un’enorme biodiversità, tra spiagge incontaminate, foreste, cascate, grotte, mari e varietà vegetali.

Mozambico. Il Paese dei contadini e dei pescatori, dove cresce rigoglioso il wild coffee

Sostenibilità / Slow Food Andrea Cascioli

Guadano i fiumi con le loro barche o percorrono lunghe strade sterrate per arrivare alla capitale del Mozambico, l’ultimo sabato del mese, a vendere i loro prodotti. Sono i contadini e i pescatori che animano il Mercato della Terra di Maputo, un progetto di agricoltura sostenibile avviato due anni fa da Slow Food.

Guinea Bissau. Dove l’olio di palma non è industriale e profuma di pomodoro, frutta e spezie

Sostenibilità / Sara Zavagno Slow Food

La Guinea Bissau è un piccolo stato che si trova sulla costa occidentale dell’Africa, un’ex colonia del Portogallo di cui ha mantenuto la lingua ufficiale. Il Paese è un grande produttore di olio di palma di cui Slow Food protegge la specie selvatica e di sale di Farim, prodotto sul rio Cacheu.

Il più antico del mondo è il caffè selvatico della foresta di Harenna

Sostenibilità / Slow Food

Il caffè è legato in maniera indissolubile all’Etiopia, il suo paese di origine. È stato domesticato sui suoi altipiani, migliaia di anni fa, ed è diventato parte integrante delle tradizioni e dei riti delle comunità. Ecco la storia di quello origianario della foresta etiope.

Il fagiolo sacro della Colombia e l'alimentazione vegetariana. Il legame dei legumi con la spiritualità

Cultura / Slow Food Silvia Ceriani
fagioli slow food colombia 15 settembre

Non è solo una risposta concreta alla fame nel mondo. Dietro la scelta vegetariana, vi sono profonde implicazione spirituali e valori etici che si perdono nella notte dei tempi. Come per esempio succede in Colombia, dove è forte il nesso tra cibo e il senso del sacro.

La Polonia tra biodiversità e tradizioni da salvare

Sostenibilità / Slow Food Sara Zavagno

Il 13 settembre Expo si tinge di rosso e di bianco per festeggiare la Polonia in occasione del suo national day. Il padiglione polacco, un conglomerato di cassette di legno da mercato, punta su uno dei principali prodotti esportati all’estero: la mela.

Messico. Cacao, amaranto e vaniglia, tre eccellenze protette da Slow Food

Sostenibilità / Slow Food Andrea Cascioli
SF National Day Messico

Nella regione di Chontalpa, l’economia e le tradizioni ruotano intorno alla produzione del cacao fin dal tempo della civiltà olmeca. Nella Valle di Tehuacán, da poco è stata rintrodotta la coltivazione dell’amaranto, mentre la Chinantla è l’unica regione del mondo in cui la vaniglia cresce in forma selvatica. Tutto questo nel Paese che è stato culla di molteciviltà pre-colombiane.

La biodiversità del Benin tra legumi e cassava

Sostenibilità / Sara Zavagno Slow Food

In Benin, il settore agricolo contribuisce per oltre un terzo alla formazione del Pil e occupa oltre il 50% della popolazione attiva. Alla luce di questo dato, si capisce come il cibo e l’alimentazione in generale stringano con la cultura e la tradizione di questa nazione un legame fortissimo, che coinvolge religione, cerimonie e festività.

Tra miele, mambuyu e caffè, in Kenya c’è un tesoro verde da proteggere

Sostenibilità / Andrea Cascioli Slow Food

Nel cuore del Kenya sorge la più grande foresta indigena montana dell’Africa orientale, la foresta Mau. Le acque dei suoi fiumi alimentano il vicino Lago Vittoria e ne fanno il maggior bacino idrografico del Paese. Un tesoro verde segnato da una devastazione incominciata in epoca coloniale e proseguita fino ai giorni nostri, tra dispute politiche e disboscamento, tanto che negli ultimi vent’anni è stato distrutto il 60% della superficie boschiva.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa