Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Autore:

Sabrina D'Alessandro

Artista visiva e autrice di libri. La sua ricerca si concentra sul rapporto tra linguaggio e immaginario, coniugando arte e filologia. Nel 2009 fonda l'Urps (Ufficio Resurrezione Parole Smarrite), ente preposto al recupero e alla diffusione di parole smarrite benché utilissime alla vita sulla terra. Il suo lavoro consiste nel trasformare queste parole in opere d'arte varia, esposte in gallerie d'arte, centri culturali e librerie. Link: www.ufficioresurrezione.com.
sabrina d'alessandro foto autore

Detto e mangiato: far di un moscione un elefante

Cultura / Sabrina D'Alessandro

Quando si dà troppa importanza alle inezie è come fare di un moscione un elefante, giacché il moscione è il minuscolo moscerino (Drosophila melanogaster) che si vede spesso volare in sciami intorno al mosto e alla frutta fermentata.

Detto e mangiato: dindo

Cultura / Sabrina D'Alessandro

Curiosamente la parola dindo ha a che fare sia con i quattrini che con i tacchini.

Detto e mangiato: infinocchiare

Cultura / Sabrina D'Alessandro

Travestire una sonora truffa da buon affare: voce del verbo infinocchiare. Il finocchio, foeniculum vulgare, è una pianta apprezzata fin dall’antichità per le sue spiccate qualità aromatiche e virtù medicamentose.

Detto e mangiato: pampinoso

Cultura / Sabrina D'Alessandro
Detto e mangiato pampinoso

In senso lato è aggettivo atto a definire chi si pasce più di apparenza che di sostanza e letteralmente indica la vigna rigogliosa di pampini, che dà poca uva.

Detto e mangiato: il buglione

Cultura / Sabrina D'Alessandro
buglione

Il buglione, come il subbuglio, il garbuglio e il guazzabuglio, ha a che fare con quel che bolle in pentola.

Detto e mangiato: l’uzzolo

Cultura / Sabrina D'Alessandro
uzzolo

Dicesi di ghiribizzo, voglia acuta e improvvisa, spesso bizzarra, simile a capriccio di bambino.

Detto e mangiato: cambiare l’asino ai poponi

Cultura / Sabrina D'Alessandro
Popone

Popone: voce comune in Toscana per dire melone, ma anche babbeo.

Detto e mangiato: òffa

Cultura / Sabrina D'Alessandro
òffa

L’offa è il compenso che si dà a qualcuno che si vuole corrompere, prassi antica come la storia della focaccina che fu.

Detto e mangiato: sardonico

Cultura / Sabrina D'Alessandro
sardonico

L’origine della parola sardonico deriva da un vegetale che in realtà sarebbe meglio non mangiare: l’erba sardonia.

Detto e mangiato: pappataci

Cultura / Sabrina D'Alessandro
Pappataci

Dicesi di insetto nefasto e di persona che tollera l’intollerabile senza scomporsi.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa