Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua
Startup

Libby O’Connell. Le relazioni in cucina tra Italia e Stati Uniti d’America

Cultura / Giorgio Zerbinati

Libby O Connell è Capo Storico e Vice Presidente a History Channel. Al Padiglione USA ha presentato il suo ultimo saggio The American Plate: A Culinary History in 100 Bites, in cui ripercorre la storia degli Stati Uniti attraverso cento ricette. Per Exponet ha immaginato un menu speciale dedicato alle relazioni tra Italia e Stati Uniti d’America.

Franco Varvello. Tutti cercano la qualità del vino e dell’olio, ma anche la farina deve essere eccellente

Innovazione / Cinzia Figus

“Per averla ottima, bisognerebbe macinarla in casa, ma possono farlo solo in pochi. Altrimenti bisogna comprarla, l'importante è che non sia raffinata”. Lo sostiene il Presidente di Varvello 1888, storica azienda italiana Sponsor del Cluster Cereali e Tuberi.

Ambra Morelli. Da dietista, dico che non bisogna escludere nessun alimento. Neanche l'olio di palma

Lifestyle / Cinzia Figus

"Sì anche al fritto e al soffritto, ma con moderazione". Invitata all'evento Cucinare con gusto, dove gli chef di APCI (Associazione Professionale Cuochi Ialiani) hanno modificato le ricette della tradizione in chiave salutistica, la dietista ha sfatato alcuni dubbi alimentari moderni in merito a grassi, proteine e modalità di cottura dietetiche.

La rivoluzione dei food truck a Expo Milano 2015: 10 street food da non perdere

Gusto / Annalisa Cavaleri

Lo street food è il cuore di ogni cultura culinaria. In Italia gli street food più famosi sono la pizza, il cuoppo napoletano e l’arancina siciliana, ma a Expo Milano 2015 non mancano il riso su stecco del Laos e il ramen take away.

Street food nel mondo. Dal Giappone al Perù, il tour appetitoso è firmato Slow Food

Lifestyle / Sara Zavagno - Slow Food

Okonomiyaki, chicha morada, crepès, tortillas e choripán. Sono innumerevoli le varianti del cibo di strada nel mondo, anche se possiedono tutte alcune caratteristiche in comune. Lo street food infatti è economico, veloce, ma soprattutto a chilometro zero. Immaginando di attraversare oceani e catene montuose, Slow Food ci accompagna a conoscere i migliori prodotti della cucina locale serviti nelle piazze e nei mercati del mondo.

Lo street food in Italia. Da Venezia a Palermo, il tour appetitoso è firmato Slow Food

Lifestyle / Slow Food - Sara Zavagno

Pani ca’meusa o con il lampredotto, folpi, piadine, olive ascolane e pizza fritta. L’Italia è ricca di cibi di strada che uniscono la qualità alla bontà, senza dimenticare il prezzo contenuto e la sostenibilità. Cosa c’è di meglio di fermarsi davanti a un chiosco e gustare, con pochi euro, una ricetta della tradizione? Slow Food propone un invitante tour in pieno stile “slow” attraverso il cibo di strada italiano.

Michele Crippa. Giovani e street food: il lavoro del futuro

Gusto / Annalisa Cavaleri

L’Italia ha una grande tradizione di cibi di strada, che vanno dagli arrosticini alla pizza fritta, dal cuoppo di pesce alla piadina. Michele Crippa, docente di storia della cucina italiana a Alma e co-fondatore di Gastronomist, racconta come i food truck statunitensi hanno dato nuova linfa allo street food italiano, creando nuove importanti possibilità di lavoro per i giovani.

Breve storia della pizza, dal Neolitico ai giorni nostri

Cultura / Stefano Carnazzi

Dai dischi di pane cotti sulla pietra alle bettole di Napoli, fino alla conquista di tutto il mondo e ai record mondiali: l’affascinante percorso di un piatto nato povero e sempre più ricco di storia, di ingredienti, di gusti e di gloria.

Conosci il tuo pomodoro. Due nuovi metodi per la tracciabilità

Innovazione / Stefano Carnazzi - Ilaria D’Ambrosi

Se ne coltiva e se ne consuma sempre di più nel mondo. Il pomodoro vive una grande stagione di popolarità. Proprio per questo, diventa sempre più importante capire da dove proviene.

Il pomodoro. Una ricca storia di gusto e di scoperte

Gusto / Stefano Carnazzi

Per secoli, dopo la sua scoperta dalle Americhe, il pomodoro è stato considerato come una pianta ornamentale. Ora tutto il mondo ne apprezza il sapore, il colore e, più di recente, le straordinarie virtù salutari e gastronomiche.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa