Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua
Startup

La storia di Eriberto che difende la foresta pluviale con l’appoggio della Corte interamericana per i diritti umani

Sostenibilità / Redazione Expo 2015

“Per noi la foresta pluviale è vita. È quella che ci identifica come popolo nativo. La nostra vita dipende dal nostro ambiente. Ho qualcosa che vale la pena difendere. Vivere con dignità significa questo." Ne è convinto il fotografo ecuadoregno che ha sfidato il potere del Governo per amore della sua terra. Vincendo, per ora, almeno una partita.

Romano Prodi. La geopolitica del cibo si sta ridisegnando

Sostenibilità / Simone Molteni

Romani Prodi, il premier che candidò Milano all’Esposizione Universale spiega: “La geopolitica del cibo sta cambiando in modo totale: la Cina ha il 7 per cento delle terre coltivabili e il 20 per cento della popolazione. Sta crescendo di reddito, la dieta cambia e ha bisogno di cibo e di terra: dove la va a trovare? In Africa e in America Latina dove è disponibile".

John Kariuki Mwangi. Concentriamoci sulla sovranità alimentare e sulla salvaguardia della biodiversità

Sostenibilità / Slow Food

Insieme a molti altri giovani, sta costruendo la rete Slow Food in Africa. Vive in Kenya dove coordina tutti i progetti avviati dall’associazione internazionale fondata da Carlin Petrini. Ci ha spiegato il perché del progetto 10.000 orti in Africa che serve ad aiutare gli abitanti a produrre il loro cibo, a tutelare gli interessi economici locali e a difendere il paesaggio attraverso produzioni eco-sostenibili.

Stefano Liberti. Le sfaccettature e le persone del land grabbing

Sostenibilità / Silvia Passini

Gli intrecci tra politica internazionale e mercato globalizzato stanno dando vita con il land grabbing a una nuova forma di colonialismo nelle terre del Sud del mondo. Stefano Liberti ci parla di questo fenomeno, di chi lo promuove e di chi lo subisce.

Alfredo Bini. Il land grabbing è in mostra, fino al 5 giugno a Milano

Sostenibilità / Tommaso Perrone

Il fotogiornalista Alfredo Bini ha realizzato un documentario e una serie di fotografie che ci aprono gli occhi su cosa vuol dire, nella realtà, land grabbing. I suoi scatti sono in mostra fino al 5 giugno presso la Galleria San Fedele di Milano.

Chi ha vinto il premio Goldman per l'ambiente 2015

Sostenibilità / Tommaso Perrone

Ogni anno il Goldman Environmental Prize premia le persone, gli "eroi" che si sono battuti per difendere l'ambiente. Quest'anno anche due attivisti che lottano per la difesa dei mari, per la pesca sostenibile.

Senegal e Piemonte. Una cooperazione nel segno del riso

Sostenibilità / Roberto Mottadelli - ICEI

La valle del fiume Senegal, con i suoi campi di verdure e le sue risaie, è fondamentale per la sicurezza alimentare del Paese. L’ONG torinese CISV ha appena avviato un progetto per contrastare la povertà dei villaggi e il land grabbing, che ne stanno mettendo a rischio il futuro.

La domanda di prodotti agricoli sul mercato globale è in aumento, i terreni no

Sostenibilità / Tommaso Perrone

L'aumento delle importazioni di grano e prodotti agricoli non è "salutare" per i Paesi che ne sono dipendenti. Una ricerca del Worldwatch Institute mette in guardia da possibili rischi da un calo delle produzioni locali.

Giulio Santagata. Il futuro del Made in Italy risiede nell'export

Economia / Emanuela Taverna

Export, Italian sounding, embargo russo, Ttip: il consigliere di Nomisma, con delega allo sviluppo, illustra in questa lunga intervista le direttrici principali lungo le quali si muoverà l'Italian food nel prossimo futuro. Con molti segnali positivi.

Le alghe. Il motore verde per il futuro

Lifestyle / Ilaria D’Ambrosi

Da secoli alla base dell’alimentazione orientale, oggi le alghe sono comparse con l’introduzione della moda multietnica nell’alimentazione. Un fattore positivo per la guarigione di un Pianeta sovrappopolato, arido, inquinato grazie al loro incredibile potenziale.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa