Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Autore:

José Graziano da Silva

José Graziano da Silva è il Direttore Generale della FAO dal 2012 e da oltre trent’anni si occupa di sicurezza alimentare, sviluppo rurale e agricoltura. In Brasile è stato l’architetto del progetto nazionale Fome Zero (Fame Zero).La partecipazione dell’ONU ad Expo 2015 viene coordinata dalle tre agenzie con sede in Italia (FAO, IFAD, WFP) sotto l’egida di Graziano da Silva. Il Direttore Generale della FAO ha promosso la partecipazione dell’ONU all’Esposizione Universale in diverse occasioni negli ultimi due anni ed è tra i fautori principali della Carta di Milano.
José Graziano da Silva

Grazie, Italia, per ospitare la FAO con generosità dal 1951

Cultura / José Graziano da Silva
José Graziano da Silva

Un grande e caloroso benvenuto a tutti voi che oggi celebrate qui con noi la nascita dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura , FAO, nata in Québec il 16 ottobre 1945.

Il cibo nell’era dei biocarburanti

Innovazione / José Graziano da Silva
GDS Food articolo 21 lug img rif

Negli ultimi anni, i biocarburanti sono diventati oggetto di contesa: per taluni una fonte di energia rinnovabile prodotta da materia organica, rappresenta una bacchetta magica nella lotta contro i cambiamenti climatici. Altri vedono i biocarburanti come una minaccia esistenziale, perché le piante utilizzate per generarli richiedono lo sfruttamento di terreni agricoli e acqua che altrimenti verrebbero impiegati per coltivare generi alimentari.

Capovolgere la pandemia mondiale di obesità

Sostenibilità / José Graziano da Silva
José Graziano da Silva

L'aumento dell'obesità a livello mondiale eguaglia in termini di oneri economici globali guerre e fumo.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa