Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Il lap lap del Vanuatu: merenda nelle isole della felicità

Gusto / -

Lap lap del Vanuatu
© Adventures In Mountain Time

Il Vanuatu è uno stato composto da 80 isole affacciate sull’Oceano Pacifico meridionale. Terra di paesaggi magnifici, tanto è vero che i suoi abitanti sono stati scelti per due volte come "Il popolo più felice sulla terra". Il piatto nazionale è il lap lap, un impasto di taro o patate dolci e latte di cocco con carne o pesce alla griglia.

Il Vanuatu è formato da un arcipelago di circa 80 isole, che si trovano nel magnifico Oceano Pacifico meridionale a circa 2000 km dalla costa nord-orientale dell’Australia. La maggior produzione dell'isola è la copra, cioè la polpa essiccata del cocco, seguono cacao e caffè. Per il resto l'alimentazione si basa sulla pesca e sull'allevamento, e si coltivano alimenti di sussistenza come manioca, patate dolci, taro, igname e mais. Vivere in luoghi così belli fa sentire bene, tanto è vero che i suoi abitanti sono stati scelti per due volte come "Il popolo più felice sulla terra" da Happy Planet Index nel 2006 e da Lonely Planet nel 2010.

Il lap lap: un pasto semplice, ma sostanzioso
Il lap lap è considerato il piatto nazionale di Vanuatu: si tratta di una sorta di torta di radici vegetali arricchita da carne e pesce. Il piatto si prepara grattugiando il taro, fino a farlo diventare una pasta morbida. In alternativa si possono utilizzare le patate dolci. A questo punto si aggiunge il latte di cocco, che regala un sapore dolciastro. L'impasto si posiziona in una grande foglia verde di banano e si aggiunge ancora un po' di latte di cocco. Per rendere il pasto più sostanzioso si aggiungono pezzi di carne grigliata, di solito maiale o manzo, o di pesce. La foglia di banano è chiusa intorno agli ingredienti e si fa cuocere in un forno di pietra per circa mezz'ora. Il risultato è un fagottino ripieno molto saporito e facile da trasportare.

La kava: la bevanda che fa rilassare
La kava cresce in molte isole dell'Oceano Pacifico, ma la "casa" di questa pianta sembra essere proprio il Vanuatu: le radici vengono fatte seccare e ridotte in pezzi piccolissimi, lavorandole in un mortaio. Si aggiunge acqua fredda per ottenere una bevanda dall'effetto rilassante, analgesico e calmante. Il rito di preparazione della kava è una cerimonia antica che viene ripetuta ogni sera dagli uomini delle tribù dei villaggi. In queste occasioni le radici di kava vengono masticate a lungo, in modo da ridurle in un impasto che viene filtrato per ottenere un succo che varia tra il bianco e il nocciola chiaro.
 

Dal Crocoburger al panino con le alghe. I 10 panini da non perdere a Expo Milano 2015

Gusto / -

lista 10 panini img rif

Il panino con l’hamburger di coccodrillo, di zebra o di alghe. Sono solo alcune delle proposte particolari che si possono trovare a Expo Milano 2015, per vivere l’evento mangiando con gusto, ma senza bisogno di fermarsi

Expo Milano 2015 è così pieno di attrazioni che si ha voglia di vivere l’evento senza fermarsi. Chi ha voglia di mangiare qualcosa di sfizioso, ma senza mettere le gambe sotto il tavolo, può affidarsi ad una grande offerta di street food, tra cui molti panini da non perdere: si va dai ripieni più tradizionali a quelli che non assaggerete in nessun altro posto, se non visitando l’Esposizione universale di Milano.
 
Il Crocoburger dello Zimbabwe
Atteso, richiesto, sempre più amato. La coda è sempre lunga a Expo Milano 2015 per assaggiare il Crocoburger, un panino ripieno con hamburger di coccodrillo, salsa al baobab e verdure grigliate.  All’assaggio ciò che colpisce di più è la consistenza, morbida e succulenta dell’hamburger, strano se si pensa che si tratta di una carne magra e molto proteica. Il pane è soffice e non copre il sapore della carne, che è molto delicato. A dare carattere al panino c’è la salsa al baobab che riempie la bocca con un sapore acidulo e l’aroma del pepe rosa. Per sancire l’amicizia tra Italia e Zimbabwe, è nata anche l’Imperdibile, una bevanda analcolica a base di baobab e succo d’uva rossa italiana. Il baobab è considerato in Africa un albero sacro e i suoi semi sono ricchi di vitamina C e antiossidanti. La bevanda è molto rinfrescante e unisce il gusto acidulo dell’uva e del baobab all’aroma floreale e fruttato dei fiori di sambuco. Il Crocoburger è un’esclusiva di Expo Milano 2015 e non può essere gustato in nessun altro posto in Italia, ma, visto il successo, è probabile che presto apriranno punti di ristoro in franchising che vendono il famoso panino.
 
Quanto costa: il menù che comprende panino con hamburger, patatine fritte e bibita al baobab costa 15 euro
 
Il panino vegano Dutch seed burger dell’Olanda
Abc è un originale food truck con il nome che racconta una filosofia: Alternative Burger Collettive. Qui si vendono cibi sostenibili e rispettosi del pianeta come il Dutch seed burger, un hamburger vegano, vegetale al 100%, a base di legumi e alghe marine. Al suo interno c’è l’alga invernale royal kombu e la clorella, una microalga ricca proteine che viene considerata un super food. Anche la salsa cremosa, che arricchisce il panino, è totalmente vegana, a base di soia e ulva lactuca, anche detta lattuga di mare. Naturalmente anche il pane è a base di alghe: ha un colore verde brillante, è soffice e completamente vegano, senza latte né ingredienti di origine animale. In Italia si può gustare solo a Expo Milano 2015.
 
Dove si mangia: Padiglione dell’Olanda
Quanto costa: 9,50 euro
 
Lo Zebraburger
Lo Zebraburger è un’altra esclusiva del Padiglione dello Zimbabwe a Expo Milano 2015 e non si trova in nessun altro luogo in Italia. Si tratta di un pane bianco artigianale, ripieno con un hamburger di zebra, accompagnato da cetriolini, formaggio cheddar, salsa al barbecue e salsa al baobab. La carne di zebra è magra e ha un sapore deciso: ricorda come consistenza la fibrosità del cavallo e come gusto richiama la sapidità del cinghiale. Si sposa bene con il sentore affumicato della salsa barbecue e con il retrogusto acidulo del cetriolo sottaceto e della salsa al baobab. La ricetta è stata studiata dallo chef Brighton Nekatamba, che lavora nel ristorante dell’hotel situato nel Parco nazionale Hwange. "Vogliamo lanciare un messaggio culturale, sensibilizzando le persone al rispetto delle diverse usanze alimentari - ha spiegato Georges El Badaoui, console dello Zimbabwe -. Ciò che per noi è esotico, come la carne di zebra, in altri Paesi fa parte dell’alimentazione quotidiana. Bisogna avere rispetto per i popoli che mangiano diversamente da noi”. La carne di zebra è molto magra e proteica, tanto è vero che spesso fa parte dell’alimentazione degli atleti e degli sportivi. In Italia non è proibita, ma è ancora poco conosciuta: speriamo si diffonda presto perché è sana e saporita, ottima nei brasati, oppure cucinata in umido o sulla griglia.
 
Quanto costa: Il menù comprende panino, patatine fritte e bibita al baobab e costa 15 euro
 
La pizza panino di Bello e Buono
Chi sogna giorno e notte la pizza, a Expo Milano 2015 può provarla anche in formato panino. L’apecar di Bello e Buono Pizzaioli itineranti, specializzata negli street food italiani, ha nel suo menù un panino a base di sfoglia di pizza, farcito con salsicce e friarielli, oppure con salsiccia, mozzarella e parmigiana di melanzane. Un panino così ricco che non fa rimpiangere né una pizza farcita né un pasto completo.
 
Dove si trova: Apecar Bello e Buono, spazio street food vicino a Cascina Triulza
Quanto costa: 6,50 euro
 
Il New England Lobster Roll degli Stati Uniti
Il Padiglione USA a Expo Milano 2015 ha incentrato l’offerta gastronomica sullo street food e sui Food truck  e, se l’hamburger la fa da padrone, non mancano cibi meno conosciuti, ma sempre più di moda. Un esempio? Il New England Lobster Roll: un panino tagliato per il lungo, imburrato e riempito di insalata di astice del Maine. Il sapore è dolce e avvolgente, la consistenza morbida e delicata. Per dare freschezza e carattere viene guarnito con erba cipollina e limone.
Dove si trova: spazio Food truck del Padiglione USA
Quanto costa: 15 euro
 
Il rice burger del Giappone
Il Giappone è la terra del riso. Da sempre protagonista della produzione agricola, nel periodo Edo il riso era considerato indice di ricchezza e potere. Il rice burger, che si può assaggiare nella Food court del Padiglione del Giappone, è un panino davvero alternativo, perché le fette di pane sono sostituite da due dischi di riso pressato. La versione yakiniku è con manzo cucinato alla griglia, mentre la versione kakiage ha all’interno gamberi e verdure fritte in tempura. Il riso, con la sua consistenza compatta, diventa una soluzione perfetta per un pasto veloce e salutare, capace di regalare un immediato senso di sazietà. È un’ottima alternativa al pane tradizionale e può essere una soluzione gustosa per chi soffre di intolleranze o sensibilità al glutine.
 
Dove si trova: Padiglione del Giappone
Quanto costa: Il set con rice burger, bibita e patatine fritte costa 12 euro
 
Il panino con i buoni salumi italiani
Per la tradizione italiana il panino sono due fette di pane fragrante arricchite con salumi appena affettati, in modo che sprigionino tutto il loro aroma. Anche a Expo Milano 2015 si può tornare bambini, ripensando alla più classica delle merende: pane e prosciutto. Da Salumi Beretta c’è il panino con il prosciutto di Carpegna Dop, dal gusto delicato e fragrante, e dalle particolari sfumature di colore rosa. Da Casa Ferrarini, invece, il prosciutto cotto va ad arricchire la puccia, un pane dal profumo di grano, basso e di forma tonda, originario della Puglia. L’affettato si sposa con la mozzarella e con una foglia di insalata iceberg per dare freschezza e croccantezza.
 
Quanto costano: Panino con prosciutto di Carpegna Beretta 2,50; Puccia con  prosciutto cotto Ferrarini 7 euro
 
L’arepa di mais della Colombia
Un pane leggero e basso, a base di farina di mais bianco. L’arepa è una deliziosa focaccina tipica della Colombia ripiena di carne di manzo o pollo e formaggio. Il pane viene cotto su una piastra rovente e quindi forma una crosticina croccante sul lato esterno. Il massimo del gusto si ha nell’arepa di carne: il sapore del pane di mais contrasta con un’esplosione succulenta di carne, che avvolge piacevolmente la bocca. La carne, per la precisione un girello di vitello, è sfilacciata e tenera perché viene cotta più di 1 ora a fuoco lento. La freschezza è data dalla salsa aji, a base di pomodoro fresco, cipolla tritata, pepe, peperoncino, foglie di coriandolo e menta. L’arepa è ancora più golosa se si aggiunge l’uovo fritto: il tuorlo, ancora liquido, esploderà riempiendo di gusto e dando cremosità ad ogni boccone.
 
Quanto costa: l’arepa con carne e formaggio costa 8 euro, mentre con l’uovo 10 euro
 
Il Damini Bab, il panino della prima macelleria ristorante al mondo con stella Michelin
Giorgio Damini, chef della prima macelleria ristorante al mondo ad aver preso la Stella Michelin, ha cucinato a Identità Expo il suo piatto forte, il Damini Bab, liberamente ispirato al kebab medio-orientale e realizzato con pancia selezione Damini, frollata una settimana e poi cotta a bassa temperatura con pomodori datterini e aceto bianco. Il panino, che nasce esclusivamente da prodotti italiani, nasce dal desidero di dimostrare come anche tagli meno pregiati possano essere utilizzati per realizzare piatti sorprendenti e dal grande sapore. Nel Damini bab il gusto del pane di segale e finocchio, scelto per l’amore dello chef nei confronti della montagna, incontra quello della cipolla rossa di Tropea, del cappuccio tagliato finissimo, della maionese e salsa alla senape, oltre ovviamente a quello della pancia di manzo, un taglio solitamente non utilizzato, ma dalla grande potenzialità. 

Dove si trova: Il Damini Bab è stato cucinato in occasione di una cena speciale organizzata a Identità Expo
 
Il panino senza glutine del Gluten Free Fest
Sempre più persone sono intolleranti al glutine o soffrono di celiachia e quindi devono rinunciare ai panini tradizionali. Ma niente paura, a Expo Milano 2015 c’è Gluten Free Fest, la postazione di street food gestita dall’Agenzia Sedicieventi che organizza a Perugia il primo festival nazionale dedicato al senza glutine, patrocinato dall’Associazione Italiana Celiachia. Qui si trovano sia panini che piadine farciti con affettati, wurstel e porchetta glutenfree del Salumificio F.lli Beretta. Chi l’ha detto che chi deve mangiare senza glutine debba rinunciare al gusto?
 
Dove si trova: Gluten Free Fest  nella piazzetta accanto al Padiglione del Brasile
Quanto costa: 5,50 euroExpo Milano 2015 è così pieno di attrazioni che si ha voglia di vivere l’evento senza fermarsi. Chi ha voglia di mangiare qualcosa di sfizioso, ma senza mettere le gambe sotto il tavolo, può affidarsi ad una grande offerta di street food, tra cui molti panini da non perdere: si va dai ripieni più tradizionali a quelli che non assaggerete in nessun altro posto, se non visitando l’Esposizione universale di Milano.
 
 
 

L’Albania. Una varietà fatta di storia e sapori

Cultura / -

 
1 di 1
 
© Michael Runkel/robertharding/Corbis
© Michael Runkel/robertharding/Corbis
© RilindH/RooM the Agency/Corbis
© blertazilja/RooM the Agency/Corbis
© Michel Setboun/Corbis
© Arne Hodalic/CORBIS

Bellezza suggestiva, grande patrimonio artistico, archeologico, gastronomico: l’Albania offre una varietà di sapori in molti ambiti, da quello storico, a quello paesaggistico e culturale. Tutti da gustare.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa