Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Il koshari dell’Egitto: colorato misto vegano

Gusto / -

piatto Egitto 23 lug img rif
@Dina Said

La cucina egiziana crea un ponte tra la speziata gastronomia mediorientale e la tradizionale cucina mediterranea. Tra i piatti più rappresentativi c'è sicuramente il koshari egiziano. Si possono assaggiare il koshari e le altre delizie egiziane al Padiglione dell’Egitto nel Cluster Bio-Mediterraneo.

La cucina egiziana ha molto in comune con la gastronomia del Medioriente, ricca di spezie e sapori decisi, ma, allo stesso tempo, offre gli ingredienti tradizionali della cucina mediterranea. Le verdure più usate sono i pomodori e i cetrioli, e tra i legumi non mancano mai ceci e fave. Molto amati gli antipasti come il tradizionale Babaganoush, crema di melanzane al forno mischiata alla tahina, cioè salsa di sesamo, e condita con limone, aglio e oliva d’oliva, da mangiare con la pita, un pane dalla forma tonda. Non possono, poi, mancare i falafel, lo street food per antonomasia, polpette di fave tritate, prezzemolo, aglio, coriandolo e cipolle fritte nell'olio.
 
Il koshari: il piatto misto vegano che sazia con gusto
Un piatto che è un tripudio di colore e di gusto, economico e allegro, ottimo per una cena vegetariana. Si tratta di un mix che comprende riso, pasta corta, ceci, lenticchie, passata di pomodoro, cumino, peperoncino, cipolle e aglio. Alla vista si presenta come un piatto estremamente colorato e variegato, che stimola l’appetito e la curiosità di assaggiare ogni singolo ingrediente. Appena arriva in tavola si sprigiona il profumo delle cipolle fritte, che ricoprono uno spesso strato di riso misto a pasta corta. Il carattere è dato dalla salsa di pomodoro, piccante, leggermente aromatizzata all’aceto e profumata con una miscela particolare chiamata baharat, che unisce cannella, cardamomo, carvi, chiodi di garofano, coriandolo, noce moscata, pepe nero e paprika. Le cipolle lasciano in bocca un sapore tra il caramellato e il tostato. Gli ingredienti del koshari, esclusivamente vegetali, svelano l’origine del piatto che, probabilmente, ha un’origine cristiana copta. Secondo la tradizione, era il piatto della Quaresima, periodo in cui era proibito mangiare carne. Viene venduto come street food dagli ambulanti lungo le strade che, allontanandosi dalla tradizione, spesso lo servono con l’aggiunta di pezzi di fegato fritto.
 
Egitto dolce
L’Egitto vanta anche una profonda tradizione dolciaria. Uno dei dolci egiziani più famosi è la baklava, strati di pasta fillo ripiena di frutta secca, ricoperti di generose cucchiaiate di sciroppo al miele. Potrebbe sembrare troppo dolce per un palato occidentale, ma è una specialità che non può mancare alla fine del pasto o in accompagnamento al tè alla menta. Tipico del periodo del Ramadan il kunafa, o konafa, crosta di pasta fillo con un ripieno cremoso a base di latte e riso, intrisa di uno sciroppo a  base di zucchero, limone, acqua di rose o di fiori d’arancio.
 
 
Si possono assaggiare il koshari e le altre delizie egiziane al Padiglione dell’Egitto nel Cluster Bio-Mediterraneo.
 
 

Etiopia. Dove bere il caffè è un rito

Cultura / -

©-Per-Anders-PetterssonCorbis

Un Paese dalla storia antichissima, che talvolta si confonde con la leggenda. Come nel caso della regina di Saba. O del modo in cui si scoprì come tostare le prime bacche di caffè selvatico.

È la patria del caffè. Ma come recita lo slogan scelto per Expo Milano 2015 (“Etiopia, la radice del caffè e molto altro”) è parecchio di più: nientemeno che la culla dell’umanità. Qui sono stati trovati alcuni dei più antichi scheletri di ominidi, risalenti a 3-4 milioni di anni fa. E di quell’Eden primordiale l’Etiopia conserva ancora affascinanti paesaggi naturali, come le cascate del Nilo Azzurro e la selvaggia Valle dell’Omo. Questo era anche il Paese della leggendaria e ricchissima regina di Saba, di cui raccontano la Bibbia e il Corano, e il cuore dell’Impero di Axum, la prima civiltà avanzata dell’Africa Subsahariana, capace di elaborare un proprio alfabeto, il ge’ez, e di commerciare con tutto il mondo mediterraneo, arabo e indiano. All’apice del suo splendore, nel III-IV secolo d.C., quello axumita era considerato uno dei quattro grandi imperi del mondo, insieme a quello romano, persiano e cinese.
 
Il Signore delle api
In quello stesso periodo re Ezanà convertì il Paese al cristianesimo e, otto secoli più tardi, un altro sovrano molto devoto realizzò un’opera straordinaria: 11 chiese scavate interamente nelle viscere di un altopiano lavico, asportando pazientemente la roccia circostante come uno scultore da un blocco di marmo. Questo meraviglioso complesso prese il nome dal re che lo commissionò, Lalibelà, che in lingua agau significa “le api riconoscono la sua sovranità”. Una ben modesta annunciazione, verrebbe da pensare, se non fosse che proprio il miele è tutt’oggi una delle ricchezze dell’Etiopia. Sono ben quattro, nel Paese, i presidi Slow Food che riguardano questo alimento. Si va dal miele bianco di Bore, di consistenza quasi burrosa e aroma dolce, con una nota piccante nel finale, a quello bianco del Tigrai, meno omogeneo e dal profumo più delicato, non dolcissimo ma con un retrogusto persistente. Dal miele di Rira, di colore nocciola chiaro, consistenza cremosa e fragranza fruttata, con sentore di caramello e malto, a quello del vulcano Wenchi, più ambrato, con una grana finissima e una nota balsamica che ne rende fresco l’aroma.
Il miele è anche la base di alcuni preparati alcolici molto apprezzati, come l’idromele (tej). Ma nulla in confronto a quella che in Etiopia è considerata la regina di tutte le bevande: il caffè. Il termine stesso sembra derivi, secondo alcune fonti, da Kaffa, una regione nella parte sud-occidentale del Paese. È comunque dall’Etiopia che proviene, geneticamente parlando, tutto il caffè del mondo. Ancora adesso la sua coltura è fondamentale non solo per l’economia del Paese, per la quale rappresenta da sola un quarto del prodotto interno lordo, ma anche per la vita socio-culturale e spirituale del suo popolo.
 
Una benedizione dal cielo
Il caffè svolge infatti un ruolo fondamentale nella cultura locale dell’ospitalità, e i rituali della cerimonia del caffè, tra cui la sua tostatura, macinatura e infusione, sono centrali per lo stile di vita etiope. Invitare gli ospiti per un caffè è considerato un’opportunità offerta da Dio per fare del bene. A Expo Milano 2015 il padiglione dell’Etiopia, all’interno del Cluster del Caffè, offre ai visitatori la possibilità, tra le altre cose, di godere di una tradizionale cerimonia del caffè e gustare le varietà coltivate localmente.
 
 

Mauritania. Il Paese dalle morbide dune affacciato sull'oceano

Cultura / -

 
1 di 1
 
© George Steinmetz/Corbis
© Firefly Productions/CORBIS
3- © Wolfgang Kaehler/CORBIS
© Michael Runkel/Robert Harding World Imagery/Corbis
6- © Remi Benali/Corbis

Il 24 luglio Expo Milano 2015 celebra i tesori della Mauritania, uno dei Paesi con il mare più pescoso del Pianeta.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa