Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Autore:

Giorgio Zerbinati

Giorgio Zerbinati, cresciuto sotto l’argine del Po mantovano, la prima città che incontra è Bologna. Da giovane gli è capitato di abitare per un po’ a Parigi e Lisbona, ma poi tutto un complesso di cose lo ha portato a Milano. Non avendo mai risolto il conflitto tra materie scientifiche e umanistiche, prova a scrivere sia di ambiente che di storia.
IMM BOLL Giorgio Zerbinati

Spazio chiama terra, l’agricoltura del futuro sarà assistita dai satelliti

Innovazione / Ilaria D’Ambrosi Giorgio Zerbinati
imm rif riepilogo spazio agricoltura di precisione

Previsioni del tempo sempre più accurate, sensori nei campi, raccolti controllati da droni, satelliti che misurano lo stato della falda e trattori teleguidati da occhi bionici. L’agricoltura di precisione è quel mondo dove il lavoro della terra è assistito dalle tecnologie dello spazio. Expo Milano 2015 è stata una vetrina degli ultimi traguardi e dei nuovi orizzonti.

Mario Guidi. Le nuove biotecnologie possono aiutare l’agricoltura biologica

Innovazione / Giorgio Zerbinati
imm rif Mario Guidi intervista 30 ottobre

Mario Guidi è il Presidente di Confagricoltura. Confermando la vocazione all’innovazione dell'associazione, spiega a Exponet come le biotecnologie di nuova generazione possano essere molto utili all’agricoltura biologica.

Eni. L’accesso all’energia è fondamentale per lo sviluppo dei Paesi africani

Economia / Giorgio Zerbinati
imm rif logo eni intervista 31 ottobre

Eni è da sempre molto attenta allo sviluppo dell’Africa, essendo la prima compagnia energetica internazionale per produzione di idrocarburi attiva nel Continente africano. Un ruolo che la società ha potuto esprimere anche a Expo Milano 2015, come Official Partner for Sustainability Initiatives in African Countries. In questa intervista istituzionale Eni racconta le grandi potenzialità dell’Africa, il continente del futuro.

Roberto Brazzale. Vi spiego perché l’Italian Sounding può aiutare il Made in Italy

Economia / Giorgio Zerbinati
imm rif Roberto Brazzale

Roberto Brazzale è un italiano fuori dagli schemi e un agricoltore globale. Discendente di un’antica famiglia di allevatori veneti e imprenditore agricolo all’estero, produce formaggi DOP in Italia, ma allo stesso tempo grana in Repubblica Ceca e carne di manzo in Brasile. Secondo la sua visione, il cosiddetto Italian Sounding non danneggia il Made in Italy, ma anzi è un grande volano per l’agroalimentare italiano.

Libby O’Connell. Le relazioni in cucina tra Italia e Stati Uniti d’America

Cultura / Giorgio Zerbinati
imm rif Libby O Connell

Libby O Connell è Capo Storico e Vice Presidente a History Channel. Al Padiglione USA ha presentato il suo ultimo saggio The American Plate: A Culinary History in 100 Bites, in cui ripercorre la storia degli Stati Uniti attraverso cento ricette. Per Exponet ha immaginato un menu speciale dedicato alle relazioni tra Italia e Stati Uniti d’America.

François Xavier de Donnea. Chi può dare un futuro all’Africa sono gli africani ricchi

Economia / Giorgio Zerbinati
imm rif François Xavier de Donnea

François Xavier de Donnea è il Presidente del Club del Sahel e dell’Africa Occidentale, organizzazione dell’OCSE dedicata ai Paesi dell’area e in particolare alla loro sicurezza alimentare. Ospite del Padiglione dell'Unione Europea e dell’Austria a Expo Milano 2015 per la Sahel and West Africa Week organizzata dal Club a Milano, ha sottolineato che il futuro del Continente Africano dipende dalla borghesia africana, che deve investire in progetti agricoli e industriali invece che nell’immobiliare e nella finanza.

Guinea Equatoriale, vulcani maestosi e cultura afro-ispanica

Cultura / Giorgio Zerbinati
imm rif Guinea Equatoriale

La Guinea Equatoriale è uno dei più piccoli Paesi dell’Africa e l’unico in cui si parli spagnolo. Collocata nel cuore del Golfo di Guinea, è famosa per le sue foreste pluviali, gli imponenti vulcani e per l’architettura coloniale ispanica della capitale Malobo. Presente a Expo Milano 2015 nel Cluster Frutta e Legumi, il Paese festeggia il suo National Day giovedì 29 ottobre.

Liberia, il sogno africano

Cultura / Giorgio Zerbinati

La Liberia è uno dei più affascinanti Paesi africani, fondato all’inizio dell’Ottocento da ex schiavi liberati dagli Stati Uniti d’America. Oltre ai loro discendenti, oggi il Paese è popolato da circa sedici etnie, che insieme contribuiscono a formare una cultura ricchissima. Anche la natura liberiana è piena di fascino, con grandi estensioni di foresta pluviale, savana e mangrovie. Presente a Expo Milano 2015, la Liberia festeggia il suo National Day martedì 27 ottobre.

Microvita2050, le mosche di design che nutriranno il Pianeta

Innovazione / Giorgio Zerbinati
imm rif Microvita2050

Gli insetti sono una risorsa alimentare strategica. Microvita2050 è un progetto tutto italiano per la produzione di mangimi sostenibili per polli e pesci dalle larve di mosca. È sviluppato dallo studio Design Group Italia, insieme all’azienda agricola bolognese Microvita e all’Università di Torino ed è stato selezionato dall’acceleratore di Start Up del Padiglione USA a Expo Milano 2015.

Oscar Farinetti. FICO sarà un grande circo felliniano per celebrare la cultura italiana del cibo

Lifestyle / Giorgio Zerbinati

FICO – Fabbrica Italiana Contadina sarà il primo Eataly World, la più grande realtà dedicata all’agroalimentare italiano. Verrà realizzata nei prossimi mesi a Bologna senza sprecare un ettaro di suolo perché ricavata nell’area dell’ex Centro Agroalimentare. Il fondatore di Eataly Oscar Farinetti racconta il progetto a Exponet.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa