Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua
Sfondo Tag 2 Sfondo Tag 5 Sfondo Tag 4 Sfondo Tag 1 Sfondo Tag 3

Sei mesi di #expopeople. I più begli scatti delle persone a Expo Milano 2015

Lifestyle / Amedeo Novelli

Sei mesi di Esposizione Universale, milioni di visitatori in più rispetto alle attese, 150 Paesi e Padiglioni plasmati dai migliori architetti del mondo, cibo ovunque, mostre ovunque, eventi ovunque. La rubrica #expopeople ha raccolto, in questo quadro irripetibile, un sorriso al giorno. Ecco i più belli.

Quando gli italiani vogliono fare qualcosa bene, sono capaci di farlo, e lo fanno #expopeople

Lifestyle / Amedeo Novelli - Redazione Expo 2015

“Sono convinto che questa Esposizione Universale sia stata un grande successo. Non lo dicono solo i puri dati. Lo dicono le facce delle persone, le famiglie che gioiscono insieme, i visitatori che ci sono stati anche sotto il sole cocente. Le persone erano qui, sono venute, c'erano bambini ovunque. Expo Milano 2015 ha dimostrato che quando gli italiani vogliono fare qualcosa bene, sono capaci di farlo, e lo fanno.”

Milioni di storie hanno arricchito la mia vita #expopeople

Lifestyle / Giulia Panetta - Amedeo Novelli

"In questi ultimi anni ho finalmente imparato a credere in me stessa e nelle mie unicità. Sono diventata una persona in grado di assumersi grandi responsabilità, su cui la gente può contare, un punto di riferimento. Sono diventata una donna, che guarda al futuro avendo imparato dal passato. Ho curato la sezione cultura per due anni, due anni che in fin dei conti son volati. Ho sempre avuto una passione smodata per i libri: ti permettono di sognare, di vivere altre vite e conoscere segreti inenarrabili. In questo lungo cammino ho avuto a che fare con persone che hanno illuminato il mio pensiero e aziende che hanno creduto nella poesia e nella mia passione per essa. In questi sei mesi ho avuto la possibilità di conoscere a fondo persone provenienti da ogni angolo del mondo, che mi hanno emozionato con le loro storie e con l’amore che provano per il loro paese, tanto da venire fino in Italia per raccontare la loro realtà. È stato un onore per me scrivere di loro e spero di avervi trasmesso la stessa passione che ho visto io nei loro occhi. Spesso si dà per scontato quanto siamo fortunati, anche nella sfortuna."

Quando sarò in difficoltà saprò di poter contare su me stessa #expopeople

Lifestyle / Amedeo Novelli - Giulia Panetta

"Amo Napoli, ma ormai sentivo il bisogno di cambiare qualcosa, di dare una scossa alla mia vita. È strano arrivare a sentire che il posto dove sei nato e cresciuto non è più casa tua. Ho deciso di alzare la testa, dare un taglio a tutto quello che mi rendeva vuota e infelice. Mi sono rialzata. La chiamata per lavorare in Expo Milano 2015 è stato un dono. La cosa migliore che mi sia successa lavorando qua è stata riacquistare la fiducia nel mio paese e in me. Ora riesco ad immaginare il mio futuro lavorativo qui in Italia, so che per me ci sarà la possibilità di imparare e di crescere con persone leali e stimolanti. Il mio posto preferito qui in Expo Milano 2015? Il Media Centre ovviamente. E' qui che ho percorso la maggior parte dei chilometri! Scherzi a parte... credo che il Padiglione Zero racchiuda la storia toccante che quest’esposizione si propone di raccontare. Alla fine di questi mesi rimarrò a Milano, sono pronta per nuove sfide. Ovviamente i miei cari e la mia città mi mancano, ma credo anche che la distanza da ciò che abbiamo di caro ci insegni ad amarlo più profondamente."

Dove i miei sogni diventano realtà #expopeople

Lifestyle / Giulia Panetta - Amedeo Novelli

“Percorrendo qualche metro posso incontrare il mondo, letteralmente. Sono felice che questa magnifica esposizione, dopo la valanga di critiche, abbia finalmente trovato riscatto, per chi come me ci lavora da ben sei anni è un bel traguardo. È stata un’occasione unica per tutti, visitatori e lavoratori, oltre al divertimento ha offerto molti momenti di riflessione. Uno dei Padiglioni che è riuscito a esprimere meglio il senso di quest’esposizione è stato, a mio parere, quello della Corea. Ho potuto assaggiare il loro cibo e nonostante la quantità d’ingredienti si riusciva a distinguere chiaramente ogni gusto. Expo Milano 2015 è stato luogo di confronto, incontro, condivisione, scambio di opinioni e punti di vista che non necessariamente dovevano essere concordi e positivi: una discussione è costruttiva anche quando non si è della stessa opinione.”

Sei mesi di responsabilità e gioia #expopeople

Lifestyle / Giulia Panetta - Amedeo Novelli

"Il giorno più bello ed emozionante di questi sei mesi in Expo Milano 2015 l’ho trascorso con i miei genitori, quando mi sono venuti a trovare da Napoli. Nonostante la pioggia era in programma il concerto di Elisa, li ho portati a vedere lo spettacolo dell’albero della vita. Ero molto felice di condividere con loro il posto dove, da sei mesi a questa parte, trascorro gran parte della mia giornata. Qui tutto è legato a mille ricordi, anche il cibo: la cosa più buona che io abbia mai mangiato qui sono stati gli spiedini in Argentina che ho provato la prima volta con il mio ragazzo e poi con le mie amiche. Qui in Expo Milano 2015 gestisco la pagina Facebook. È stata una grande responsabilità. Ovviamente non avevo mai gestito una pagina con quasi due milioni di mi piace. Una volta finito tornerò a studiare, ma con la consapevolezza che forse ho trovato quello che nella vita voglio fare. Ho stretto tante nuove amicizie in questo periodo, spero solo di riuscire a coltivarle anche fuori da qui."

Ora ho una carta in più #expopeople

Lifestyle / Amedeo Novelli - Giulia Panetta

“Sono stata assente a lungo dall’Italia per via dello studio. Mi mancava la mia terra, la mia famiglia, tutto quello che amavo era tremendamente lontano. Appena ho potuto sono rientrata e ho fatto domanda per lavorare nel Social Media Team di Expo Milano 2015. Desideravo apprendere, conoscere persone da tutto il mondo, avevo bisogno di una svolta… aria fresca. In questi sei mesi non ho avuto molto tempo per visitare l’esposizione da turista, ma un Padiglione mi è rimasto nel cuore: quello di Alitalia-Etihad. I miei genitori sono assistenti di volo ed entrare in quel Padiglione mi ha fatto respirare il profumo di casa. Valigie, divise, gente che va e che viene. Ora questa esperienza sta per finire. Torno a casa con la convinzione di avere una carta in più da giocare a mio favore per potermi assicurare un futuro qui, nel mio Paese. Ma se bisognasse partire nuovamente le valigie sono pronte. Se mai mi dovesse prendere la nostalgia di casa ci sarà sempre un aereo che mi aspetta per rientrare.”

Fra poco quel che vedo non ci sarà più, devo imprimermelo bene nei ricordi #expopeople

Lifestyle / Giulia Panetta - Amedeo Novelli

“Quello che è iniziato come un semplice lavoro è finito per diventare un pezzo indimenticabile della mia vita. Sono uno dei componenti del Social Media Team di Expo Milano 2015 dal primo di maggio. Sono stati sei mesi frenetici ed emozionanti, sei mesi che ho vissuto intensamente, conscia del fatto che in un batter d’occhio sarebbero finiti. Tutto questo mi mancherà molto, è strano pensare che qui non ci camminerà più nessuno e che tutto quello che oggi vedo e amo fra poco meno di una settimana non ci sarà più. La cosa che mi solleva e fa vivere questo distacco in maniera più tranquilla è la consapevolezza di essere stata una piccola parte di un evento che ha coinvolto il mondo intero. Non posso non sentirmi orgogliosa del traguardo che ho raggiunto. Come turista non ho avuto modo di girare molto, ma sono rimasta davvero affascinata dal Padiglione del Regno Unito. Un immenso e suggestivo alveare fra i papaveri, è magico, soprattutto di sera. Expo è stata un'esperienza unica, andrebbe vissuta in prima persona perché offre sensazioni ed emozioni differenti ad ognuno.”

Il miglior regalo di compleanno #expopeople

Lifestyle / Giulia Panetta - Amedeo Novelli

"Era il giorno del mio compleanno, ero sotto il sole caldo delle Canarie a godermi un po’ di meritato riposo in compagnia di una mia cara amica quando mi squilla il telefono. Mi avevano presa per lavorare nel Social Media Team di Expo Milano 2015! La sera stessa atterro a Milano, il giorno dopo sarebbero iniziati dei corsi di preparazione ai quali non potevo assolutamente mancare. Ripensandoci è stato il regalo di compleanno migliore della mia vita. Sono cresciuta tantissimo in questi mesi, personalmente e professionalmente. Milano mi ha accolta con tanto affetto, ho tanti nuovi amici che per me sono come una famiglia. La persona che più mi ha fatto piacere conoscere qui è stata la famosa blogger e make-up artist Clio Zammatteo, dal vivo è esattamente dolce ed esuberante come in video. Questa meravigliosa avventura purtroppo sta finendo, l’altro giorno ho prenotato il treno per Napoli il sette novembre, così da avere almeno il tempo di abituarmi all’idea di dover tornare."

Finalmente ho capito cosa voglio fare da “grande” #expopeople

Lifestyle / Giulia Panetta - Amedeo Novelli

“Ho fatto domanda sperando di esser presa. Un mio caro amico lavorava in Expo Milano 2015, l’idea di lavorare insieme in un posto così eccitante ci divertiva. Nei social credo di aver trovato la mia strada. È un mondo dinamico e moderno, il nuovo modo che abbiamo di comunicare. Gestire un account sembra più facile di quello che è in realtà. Bisogna imparare a parlare per conto di qualcun altro e perciò anche a pensare diversamente da come magari si è abituati a fare. Bisogna aggiornarsi in continuazione e rimanere al passo con le tendenze, capire cosa potrebbe piacere e cosa no. Insomma è una grande responsabilità! Il primo giorno di lavoro eravamo tutti abbastanza angosciati, non sapevamo bene che fare. Era un po’ come camminare al buio. Siamo stati catapultati in un mondo di eventi, ma siamo rimasti in piedi. Sta arrivando la fine di questo periodo ma non sono preoccupata o triste. Nel mio piccolo ho dato una mano alla realizzazione di quest’esposizione, ho capito cosa voglio fare nella vita e spero di riuscire a trovare un lavoro simile in Australia. Il mio sogno infatti è tornare a vivere la.”

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa