Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Marco Pedroni. Le tecnologie tornino al servizio delle persone

Editoriale / -

A Expo Milano 2015, il Supermercato del Futuro sarà un esperimento per capire come le informazioni in rete possono aiutare un consumo più consapevole.

Alla giornata di lavoro “Italia 2015: il Paese nell’anno dell’Expo”, secondo appuntamento del percorso verso la Carta di Milano, ha partecipato anche Marco Pedroni, presidente di Coop Italia, Official Food Distribution Premium Partner di Expo Milano 2015.
Il suo intervento è stato preceduto da un breve videomessaggio di Carlo Ratti, direttore del SENSEable City Lab al Massachusetts Institute of Technology. “Nel Future Food District si cerca di capire come le tecnologie stanno trasformando le nostre iterazioni con i prodotti. In particolare, questo progetto è un esperimento per capire se tutte le informazioni che oggi abbiamo in rete possono aiutare un consumo più consapevole”.
 
Tecnologie per un futuro ‘sociale’
“Il futuro – ha ribadito Pedroni di Coop Italia – è qualcosa che vogliamo influenzare. Spesso abbiamo una quantità di informazioni incredibili, ma frammentate, disordinate. L’idea è di poter avere con un gesto della mano un’etichetta informativa, un insieme di informazioni molto ampie ma integrate. Vogliamo indagare come può esserci un futuro sociale, in cui le tecnologie servono le persone e le comunità. In questo progetto, vogliamo recuperare in questo progetto un po’  la dimensione dell’’agorà, della piazza aperta. Il cibo è cultura e quindi è relazione, è un mix tra un passato di mercati tradizionali e un futuro di tecnologie”.
 
 

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa