Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Expo dopo Expo: le eredità di Expo 2015. Il lavoro inizia ora

Editoriale / -

 
1 di 1
 
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Stefano Porta Milano2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015
© Mouran Balti Expo2015

Gli interventi, le testimonianze e i bilanci di coloro che hanno reso possibile l’Esposizione Universale. Dai rappresentanti delle istituzioni ai partner, dagli esponenti del mondo accademico e della ricerca alle Ong. Sul palco dell’Auditorium di Expo Milano 2015 il 10 ottobre si sono succeduti i protagonisti principali di quello che ormai tutti definiscono un successo. Che non deve chiudersi il 31 ottobre. Dopo aver seminato per sei mesi, infatti, è giunto il momento di custodire il modello e raccogliere i frutti, dando concretezza ai princìpi enunciati dalla Carta di Milano. Per questo, oltre 200 esperti si sono ritrovati in 26 tavoli tematici per rilanciare il grande lavoro iniziato lo scorso 7 febbraio all’Hangar Bicocca.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa