Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Repubblica Domenicana. Dove il sole dei Caraibi risplende tra cielo e terra

Cultura / -

 
1 di 1
 
©-Richard SoberkaHemisCorbis
© Michael RunkelroberthardingCorbis
© Jane SweeneyJAICorbis
©-Ralph LauerZUMA PressCorbis

Un piccolo paradiso dove la natura viene amata e rispettata, anche sott'acqua.

Algeria. Terra di sapori e condivisione, tra il mare e il deserto

Cultura / -

Algeria img rif cover
© Franck Guiziou Hemis Corbis

Tra le dune del Grande Erg occidentale e i paesaggi mozzafiato del Tassili n'Ajjer del Sahara si apre un Paese pieno di sorprese, sapori, aperto a condividere la sua cultura.

L’Algeria occupa la vasta sezione centrorientale del Maghreb, dove confluiscono due catene montuose: l'Atlante Telliano e l'Atlante sahariano. La matrice culturale del Paese è mediterranea e islamica: l’artigianato, la musica e le produzioni artistiche e gastronomiche riflettono queste origini. L’agricoltura occupa ancora gran parte della popolazione attiva ed è un settore fortemente radicato nella cultura. La capitale, Algeri, è una delle città più urbane e caratteristiche del Maghreb, accoglie un mix nostalgico di architettura coloniale e modernista, e, nel suo cuore, una medina tradizionale. Dall'altra parte del nord ci sono coste mozzafiato, un lussureggiante entroterra rurale e una serie di città romane ben conservate. Il Paese accoglie anche siti d'arte rupestre classificati tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. 
 
Sapori speziati e tè alla menta
Quella algerina è una cucina araba, ricca di spezie, e nei suoi piatti caratteristici si trovano il cuscus e le varie tajine, di carne o di pesce. Protagonisti indiscussi della cucina algerina sono il cous cous e il tè alla menta, che conclude il tipico pasto. Tra i dolci si ricorda la “samsa”, un dolcetto fatto da strati di pasta simile alla pasta sfoglia farciti con mandorle tritate e semi di sesamo, poi fritto o cotto al forno. Il preparato viene messo in uno sciroppo di zucchero ancora caldo per essere dolcificato che conferisce anche un aspetto lucido.
 
L’Algeria a Expo Milano 2015: cultura e sviluppo
L’Algeria partecipa a Expo Milano 2015 all’interno del cluster Bio-Mediterraneo, presentando il suo patrimonio culturale e quello legato allo sviluppo. Nel Padiglione mostra i colori, le forme e le atmosfere del patrimonio culturale. L’asse legato allo sviluppo, invece, ha lo scopo di mostrare la sostenibilità e l’efficacia delle iniziative e dei progetti algerini legati all’alimentazione.
 
 

Il pollo kedjenou: carne morbida in salsa dolce

Gusto / -

11 ago piatto costa d avorio img rif

Un piatto che unisce la verdura alla morbidezza del pollo, cotto lentamente in umido. Il pollo kedjenou è uno dei piatti più tipici della Costa d’Avorio con una preparazione particolare: viene cucinato in una pentola di terracotta ricoperta di foglie di banano.

La Costa d’Avorio è il primo produttore mondiale di cacao, che viene esportato in tutto il mondo. Altre colture importanti per l’esportazione sono palma da olio, cocchi, banane e ananas, mentre per la sussistenza si coltivano principalmente mais, riso, miglio, sorgo, arachidi e manioca.
 
Il pollo kedjenou della Costa d’Avorio: carne morbida in salsa dolce
Uno dei piatti più tipici della Costa d’avorio è il pollo kedjenou, pollo cotto lentamente in umido in una pentola di terracotta, coperta con foglie di banano. La carne viene fatta cuocere con le melanzane africane, i pomodori, l’aglio, le cipolle, i cipollotti. Per aromatizzare e dare più sapore di solito si usano foglie di alloro e peperoncini freschi. La salsa risulta comunque dolce e morbida al palato. È un piatto sostanzioso dalla consistenza morbida e “sugosa” che di solito si abbina all’attieké, un cous cous di manioca o dal riso. Il cibo si mangia solitamente con le mani da un piatto comune.
 
Il vino dalla palma e lo street food
Tra le bevande più tipiche della Costa d’Avorio c’è bangui, un vino locale che si ricava dalla palma.
Uno dei cibi più saporiti che si trovano direttamente per le strade è l’alloco, platano maturo tagliato a tocchetti e fritto in olio di palma, insaporito con cipolla al vapore e peperoncino. Solitamente si mangia da solo o accompagnato da pesce grigliato.
 
 
Si possono scoprire le tradizioni gastronomiche della Costa d’Avorio nel Cluster del Cacao e Cioccolato a Expo Milano 2015
 
 

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa