Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Guinea Equatoriale, vulcani maestosi e cultura afro-ispanica

Cultura / -

imm rif Guinea Equatoriale

La Guinea Equatoriale è uno dei più piccoli Paesi dell’Africa e l’unico in cui si parli spagnolo. Collocata nel cuore del Golfo di Guinea, è famosa per le sue foreste pluviali, gli imponenti vulcani e per l’architettura coloniale ispanica della capitale Malobo. Presente a Expo Milano 2015 nel Cluster Frutta e Legumi, il Paese festeggia il suo National Day giovedì 29 ottobre.

C’è un luogo dell’Africa in cui la lingua ufficiale è lo spagnolo e gli edifici antichi hanno le linee del barocco ispanico del Settecento. E’ la Guinea Equatoriale, uno dei più piccoli Paesi africani, affacciato sull’Atlantico e grande poco più della Sicilia. Il suo territorio è costituito da una parte continentale e da due isole, Annobòn e Bioko, su cui sorge anche la capitale Malabo. La natura è ovunque lussureggiante e maestosa, con foreste pluviali, mangrovie e vulcani come il Pico Basilé sull’isola di Bioko, alto oltre tremila metri. La storia del Paese si intreccia a quella degli imperi coloniali europei, con periodi portoghesi, olandesi, spagnoli e inglesi. Un percorso complesso che ha creato un mosaico di identità, formato da antiche tribù locali, comunità di migranti da altri Paesi africani, ma anche da Cina e India, creoli afro portoghesi e afro cubani e qualche europeo.
 
L’isola meravigliosa
I più antichi abitanti della Guinea Equatoriale furono probabilmente i pigmei della foresta, oggi ancora presenti in aree remote dell’entroterra. Poi arrivarono le tribù bantu, che si stabilirono sulla costa e anche sull’isola di Bioko, una delle pochissime isole africane già abitate da popolazioni locali prima dell’arrivo degli europei, dai Bubi e poi dai Fang. I portoghesi scoprirono Bioko nel 1472, mentre esploravano la costa africana per arrivare in India circumnavigando il continente. Incantati dalla bellezza della natura, ricca di foreste e acque dolci, ribattezzarono l’isola Formosa, ovvero “meravigliosa”. L’isola di Annobon era invece completamente disabitata e fu popolata con popolazioni dall’Angola. Punto nevralgico per i traffici e la penetrazione coloniale, nei secoli il territorio dell’attuale Guinea Equatoriale venne controllato da Portogallo e Spagna, che ne fecero un centro di produzione di zucchero, cacao e caffè e una base del traffico di schiavi, eradicato nell’Ottocento grazie all’intervento dei britannici e dei missionari cattolici.
 
Agganciare lo sviluppo per raggiungere la sicurezza alimentare
Con l’indipendenza dalla Spagna ottenuta nel 1968, comincia per il Paese un periodo non facile, segnato dai contrasti della Guerra Fredda. La svolta è arrivata negli anni Novanta del Novecento, con la scoperta di importanti giacimenti di petrolio offshore, i cui guadagni hanno permesso grandi investimenti nello sviluppo del Paese. Uno dei risultati è il grande balzo ottenuto nella scolarizzazione della popolazione, passata in pochi anni all’87%, il più altro di tutta l’Africa subsahariana. Altro obiettivo è quello della sicurezza alimentare, una sfida importante in un Paese il cui territorio ha solo il 10% di terre coltivabili, ma la popolazione è in crescita costante, tanto da raddoppiare in circa 30 anni. Urgente la necessità di aumentare la produzione di cibo, una sfida che la Guinea Equatoriale sta giocando con l’innovazione, lo sviluppo rurale, il sostegno all’agricoltura familiare e la stipulazione di accordi di collaborazione. Particolarmente importante quello con la FAO, firmato proprio a inizio ottobre 2015, che prevede lo stanziamento di 32,5 milioni di dollari.
 
 

Gibuti. Un Paese dall’inaspettato fascino tra scenari che lasciano a bocca aperta

Cultura / -

©-Stephanie RabemiafaraArt in-All of UsCorbis

Pur dovendo fronteggiare il serio problema della desertificazione, il suo territorio possiede imprevedibili meraviglie naturali, come gli ampi laghi di acqua salata, i deserti in cui vivono zebre, facoceri e centinai di chilometri di costa abitati da pesci colorati e coralli. Anche la cucina stupisce, con le sue raffinate influenze francesi.

Ex colonia francese, Gibuti è un piccolo Stato cosmopolita dall’indiscussa bellezza e dal fascino arabeggiante, abitato da etnie di varia origine, come i nomadi afar, gli issa, gli arabi e gli europei. Il territorio, ricco di laghi salati e di spiagge bianche, è di origine vulcanica e la vegetazione quasi assente, anche se sugli altopiani e in montagna sono presenti foreste di acacia, palme, tamerici e ginepri. L’agricoltura di sussistenza concerne poche colture, mentre l’allevamento è prevalentemente costituito da ovini e caprini.
 
Raffinatezza e tante spezie per una cucina deliziosa
La cucina di Gibuti è tra le più rinomate di tutta l’Africa e risente delle influenze di numerose culture, tra cui quella francese e quella mediorientale. Tra i piatti più conosciuti, serviti con l’immancabile riso bianco, vi sono il capretto ripieno, l’agnello e molte pietanze a base di pesce. Molto diffuse le frittate e i pomodori con cipolla, il tutto accompagnato da salse speziate e piccanti.
 
Gibuti a Expo Milano 2015 per confrontarsi con gli altri Paesi
Nonostante sia un piccolo Paese, Gibuti è ricco di biodiversità marina e terreste, grazie alle fitte foreste di mangrovie e alla presenza della barriera corallina. Per affrontare con prontezza il cambiamento climatico e la crescente incertezza ambientale, Gibuti partecipare a Expo Milano 2015 all’interno del Cluster delle Zone Aride per confrontarsi con gli altri Paesi sui temi legati alle desertificazione, ma anche su equità sociale, integrità ecologica e sviluppo economico.
 
 

Il Gambia e il suo grande fiume

Cultura / -

 
1 di 1
 
© Robert Harding/Robert Harding World Imagery/Corbis
© Caroline Penn/CORBIS
© Robert Harding/Robert Harding World Imagery/Corbis
© Philippe Lissac/Godong/Corbis
© Nik Wheeler/Corbis
© Wolfgang Kaehler/CORBIS

Piccolo Paese dell’Africa Occidentale, il Gambia prende il nome dal grande fiume che lo attraversa, storicamente una delle più importanti vie d’accesso all’entroterra africano. In passato legato al commercio degli schiavi, oggi il Gambia è uno dei più grandi produttori di arachidi. Presente all’Esposizione Universale nel Cluster Frutta e Legumi, il Paese festeggia il suo National Day sabato 5 settembre.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa