Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Autore:

Andrea Cascioli

Ventinove anni, laurea in Scienze Politiche, è diventato giornalista professionista dopo aver frequentato il biennio di master alla Scuola di Giornalismo di Torino. Attualmente collabora con l’ufficio stampa di Slow Food, seguendo le attività dell’associazione legate ad Expo e l’organizzazione dell’evento Terra Madre Giovani – We Feed The Planet
 
Andrea Cascioli

Malesia. Il Paese dove Salgari ambientò le avventure di Sandokan

Sostenibilità / Slow Food Andrea Cascioli

Oggi è un Paese dinamico, al cui interno etnie e culture diverse compongono un mosaico di tradizioni. I sapori intensi della gastronomia locale lo testimoniano meglio di qualunque altro aspetto della quotidianità.

Mozambico. Il Paese dei contadini e dei pescatori, dove cresce rigoglioso il wild coffee

Sostenibilità / Slow Food Andrea Cascioli

Guadano i fiumi con le loro barche o percorrono lunghe strade sterrate per arrivare alla capitale del Mozambico, l’ultimo sabato del mese, a vendere i loro prodotti. Sono i contadini e i pescatori che animano il Mercato della Terra di Maputo, un progetto di agricoltura sostenibile avviato due anni fa da Slow Food.

Messico. Cacao, amaranto e vaniglia, tre eccellenze protette da Slow Food

Sostenibilità / Slow Food Andrea Cascioli
SF National Day Messico

Nella regione di Chontalpa, l’economia e le tradizioni ruotano intorno alla produzione del cacao fin dal tempo della civiltà olmeca. Nella Valle di Tehuacán, da poco è stata rintrodotta la coltivazione dell’amaranto, mentre la Chinantla è l’unica regione del mondo in cui la vaniglia cresce in forma selvatica. Tutto questo nel Paese che è stato culla di molteciviltà pre-colombiane.

Tra miele, mambuyu e caffè, in Kenya c’è un tesoro verde da proteggere

Sostenibilità / Andrea Cascioli Slow Food

Nel cuore del Kenya sorge la più grande foresta indigena montana dell’Africa orientale, la foresta Mau. Le acque dei suoi fiumi alimentano il vicino Lago Vittoria e ne fanno il maggior bacino idrografico del Paese. Un tesoro verde segnato da una devastazione incominciata in epoca coloniale e proseguita fino ai giorni nostri, tra dispute politiche e disboscamento, tanto che negli ultimi vent’anni è stato distrutto il 60% della superficie boschiva.

Oltre un milione di persone sono già #CiboConsapevoli. E tu?

Leggi il manifesto e partecipa