This website uses cookies to ensure a better browsing experience; in addition to technical cookies, third-party cookies are also used. To learn more and become familiar with the cookies used, please visit the Cookies page.
By continuing to browse this site, you automatically consent to the use of cookies

Continue

Why #FutureFortified: what does it take to end hidden hunger?

Sustainability / -

© GAIN Global Alliance for Improved Nutrition

Poor nutrition is one of the biggest global challenges of our time. Today, 2 billion people — that’s 1 in 3 people on the planet — suffer from micronutrient deficiency, otherwise known as “hidden hunger.” Food fortification — adding small amounts of micronutrients such as vitamins and minerals to staple foods and condiments — has been shown to be one of the safest and most cost-effective measures to tackle hidden hunger on a large scale.

With the launch of the sustainable development goals now just months away, we have a unique and important opportunity to secure the commitment and support for proven and scalable interventions that can have a transformative impact in reducing malnutrition. Poor nutrition is one of the biggest global challenges of our time. Today, 2 billion people — that’s 1 in 3 people on the planet — suffer from micronutrient deficiency, otherwise known as “hidden hunger.”
 
Hidden hunger and micronutrient deficiencies
The most common micronutrient deficiencies are vitamin A, iron, zinc, folic acid and iodine. While hidden hunger rarely shows visible signs in those who are affected, its consequences can be disastrous, leading to poor physical and mental health, increased child and maternal mortality and reduced cognitive development. Some of its most serious manifestations include spina bifida, night blindness and goiter, an abnormal neck swelling caused by the enlargement of the thyroid gland. The consequences are not limited to individuals. Hidden hunger impacts the health and productivity of whole societies, effectively trapping many in a vicious cycle of poverty.
 
The fortification of foods
Evidence over the past decade -including from two Lancet series on maternal and child nutrition - has shown that we already have a toolbox of highly effective solutions to tackle global malnutrition. These include the fortification of staple foods like flour, oil and rice with essential nutrients; support for exclusive breast-feeding; and closer interaction between agriculture and nutrition to promote dietary diversity. These interventions can be complemented by an integrated public health agenda that includes improved sanitation, immunization and malaria and parasite control.
Yet, time and again food fortification - adding small amounts of micronutrients such as vitamins and minerals to staple foods and condiments - has been shown to be one of the safest and most cost-effective measures to tackle hidden hunger on a large scale. By expanding its use we can help to eradicate hidden hunger and its devastating consequences.
It reaches the most vulnerable with much-needed vitamins and minerals: Because many of the most vulnerable people in the world rely heavily on staple foods, food fortification has the ability to reach the poor and marginalized where other interventions cannot. This includes women and adolescent girls, who are the most critical groups from a nutrition standpoint.
It overcomes some of the inefficiencies of the global food system: In an ideal world everyone would have access to diverse diets, including a mix of fruits, vegetables and whole grains that provide all the nutrients we need. Unfortunately that ideal is still some way off. With large-scale food fortification micronutrients such as iodine, iron, zinc, calcium, and vitamins A, B and D are added to locally available and affordable foods. This means that fortified food does not require major shifts to local diets or changes to traditional cooking methods.
 
The fortification of foods and economy
In the end, it’s extremely cost-effective: In 2008 food fortification was ranked by some of the world’s leading economists as one of the most cost-effective ways to help address the global malnutrition crisis. Iodizing salt, for example, can cost as little as 5-10 cents per person per year. The return on that investment is valued at more than $26, in the way of productivity and health care savings. In Jordan the cost of iron fortification is just 4 cents per capita per year, whereas the cost of treating anemia is $7.
To date, the Global Alliance for Improved Nutrition and its partners’ support for large-scale food fortification programs have contributed to reductions in neural tube defects in South Africa, reductions in iron deficiency anemia in Nigeria, Jordan and Morocco, and a near elimination of iodine deficiency disorders in China. But, we can do more to spread the positive effects of fortification.
On Sept. 9-11, 2015, GAIN will join the government of Tanzania in co-hosting the first global summit on food fortification, as part of a global effort to reinvigorate interest, awareness and investment in food fortification. Other co-conveners include the African Union, the Bill & Melinda Gates Foundation, UNICEF, U.S. Agency for International Development, the World Food Program, and World Health Organization. Through the Global Summit and #FutureFortified campaign, we and our partners will join together to secure the political will and required investment to scale up fortification efforts and put an end to hidden hunger.
 

Cos’è il land grabbing, la corsa mondiale all’accaparramento della terra

Economia / -

land grabbing cos e
© Paulo Fridman/Corbis

La crisi finanziaria, energetica e alimentare degli ultimi anni ha acceso l’interesse di grandi investitori su una delle risorse più preziose del nostro pianeta: la terra. Ma questa corsa all’accaparramento è una minaccia per l’ambiente e per il sistema socio-economico dei Paesi coinvolti.

A partire dal 2008, l’interesse dei Paesi ricchi si è rivolto alla tutela dei propri approvvigionamenti alimentare ed energetici, spingendo governi, grandi aziende e fondi d’investimento a indirizzare ingenti capitali per acquisire la proprietà di vaste aree nel Sud del mondo e nei Paesi in via di sviluppo, dove i prezzi della terra sono più bassi. 
 
Il land grabbing è un fenomeno in crescita
Stando all’ultimo report Land Matrix (il sistema di monitoraggio proposto da International Land Coalition) il land grabbing è un fenomeno crescente. Nonostante l’incompletezza dei dati e la scarsa trasparenza delle operazioni, il 62 per cento delle 953 acquisizioni concluse occupano una superficie agricola  di 37,4 milioni di ettari (ottobre 2014), più del 10 per cento in più rispetto ai dati rilevati nel giugno 2013.  
 
La crescita continua del prezzo delle commodities (i prodotti come lo zucchero e il caffè il cui prezzo è determinato dal mercato) è una delle cause della diffusione del land grabbing come la forma più vantaggiosa di profitto per le industrie agroalimentari, i governi e le multinazionali. Questi investitori, infatti, per reagire agli stimoli del mercato o come forma di tutela della sicurezza alimentare, acquisiscono a basso costo territori arabili considerati sotto utilizzati, sostituendo il modello di produzione intensiva industriale alla pratica dell’agricoltura di sussistenza.
 
I Paesi più esposti al land grabbing
In testa alla top 10 dei Paesi più esposti all’accaparramento di terra ci sono i paesi asiatici (Papua Nuova Guinea e Indonesia), seguiti da quelli africani (Sudan, Congo e Mozambico) e del Sud America (Brasile). In questi Stati, i paesi ricchi investono per 7,5 milioni di ettari nella produzione agricola finalizzata al fabbisogno energetico, come nel caso delle coltivazioni di jatropha in Etiopia e Senegal della Delta Petroil o alle piantagioni di palma da olio cinesi in Congo e Mali.
 
Investimenti secondi solo a quelli dei Paesi del Golfo, la Corea e il Giappone che hanno acquisito 9,6 milioni di ettari di terre per l’approvvigionamento di prodotti alimentari (soprattutto cereali). Gli Stati grandi produttori di petrolio sono dipendenti dell’estero soprattutto per quanto riguarda l’acqua e il grano. Non è un caso che gli investimenti, ad esempio dell’Arabia Saudita, si concentrino su superfici agricole del Sudan, Etiopia e Mali lungo i bacini idrici del fiume Nilo e del Niger. 
 
Le conseguenze del land grabbing
I problemi derivanti da queste vaste acquisizioni e dai progetti speculativi sono soprattutto di natura socio-economica. I terreni ceduti dai governi, spesso con indennizzi irrisori o addirittura senza, vengono recintati in attesa dell’attivazione del processo produttivo, comportando l’esclusione delle comunità locali dal lavoro della terra e dall’accesso alle risorse come l’acqua. Le prospettive di sicurezza alimentare e occupazionale sono appannaggio dei paesi ricchi, incrementando la disoccupazione nei paesi in via di sviluppo. Per non parlare del danno ambientale inflitto dalla produzione agricola in monocolture e dal consumo di suolo agricolo destinato alle nuove infrastrutture e impianti di distribuzione. 
 
Un barlume di speranza inizia a intravedersi. Il blocco dell’acquisizione per 99 anni di 1,3 milioni di ettari in cambio della costruzione di un porto commerciale in Madagascar da parte della Daewoo Logistics e le politiche difensive di contenimento dell’accaparramento di terra in Brasile e dell’Argentina sono forse la prima vera presa di posizione dei governi a favore dei Paesi nel mirino degli investitori. 
 

Come scoprire se un cibo è contaminato. Ibm ha un nuovo sistema

Innovazione / -

cervello elettronico ibm contaminazione
© David Scharf/Corbis

È il primo nel suo genere, il sistema presentato da Ibm per rintracciare i veleni nel cibo e risalire alle fonti delle contaminazioni. Una tecnologia salvavita dal gigante dell'elettronica.

Il tempismo, quando si tratta di rintracciare le contaminazioni del cibo, è decisivo. Visualizzazioni e tecniche statistiche, algoritmi computerizzati e dati provenienti da negozi e produttori potranno d'ora in poi essere aggregati per studiare come nascono le tossinfezioni alimentari e capire come prevenirle.
 
Il sistema annunciato da Ibm è il primo nel suo genere
Ibm ha progettato un sistema per aiutare i funzionari della salute pubblica, i produttori e i distributori di prodotti alimentari a prevedere quali cibi hanno maggiore probabilità di subire contaminazioni nocive, per accelerare l'indagine sulla nascita di malattie d'origine alimentare. Lo strumento utilizza le informazioni sulla data di vendita e l'ubicazione di miliardi di articoli alimentari che transitano per i supermercati ogni settimana, per individuare rapidamente e con elevata probabilità i prodotti potenzialmente "incriminati" a partire dalla segnalazione di appena 10 casi.
 
I ricercatori affermano di essere in grado di individuare automaticamente, contestualizzare e visualizzare i dati provenienti da diverse fonti, per ridurre di giorni o addirittura di settimane il tempo necessario per individuare il problema. La ricerca, condotta congiuntamente con ricercatori della Johns Hopkins University, della Purdue University e dell'Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio è stata recentemente pubblicata sulla rivista Plos Computational Biology.
 
“Analisi predittive basate su punti vendita, contenuto e contesto commerciale possono guidare la nostra capacità di scoprire rapidamente schemi comuni e relazioni a partire da una varietà di dati provenienti dai sistemi sanitari pubblici e dai commercianti - ha affermato James Kaufman, manager Public Health Research di Ibm - e ora cominciamo a lavorare con committenti della sanità pubblica e con imprese private negli Stati Uniti per adattare il prototipo di ricerca su una scala di 1,7 miliardi di beni venduti settimanalmente nei supermercati americani".
 
Dati intrecciati
Il sistema intreccia i dati di vendita quelli sulla salute pubblica su base locale per consentire ai ricercatori di vedere la distribuzione dei cibi sospetti e, selezionando un'area della mappa, visualizzare i casi clinici e i referti di laboratorio derivati dalle interazioni cliniche. L'algoritmo apprende efficacemente da ogni nuovo rapporto e referto e ricalcola la probabilità per ciascun alimento di essere responsabile della malattia.
 
I focolai di malattie di origine alimentare degli ultimi anni dimostrano che, a causa delle catene logistiche sempre più interconnesse, le situazioni di crisi possono interessare migliaia di persone, comportando costi sanitari significativi, perdite finanziarie per le aziende alimentari e, nei casi peggiori, avere esito fatale.
 
Quando scoppia un caso di contaminazione alimentare, come per esempio quella da escherichia coli, identificare il focolaio è essenziale per minimizzare gli effetti negativi sulla popolazione, ma il tempo necessario per trovarlo può essere un problema. Nel 2011, un'esplosione di escherichia coli in Germania ha fatto ammalare oltre quattromila persone, mietendo 53 vittime. In quel caso, ci vollero due mesi per rintracciare la causa, il prodotto incriminato (una partita di fieno greco proveniente dall'Egitto). Nel frattempo, oltre alle sofferenze per le persone, i negozianti tedeschi subirono contraccolpi economici per 150 milioni di euro.
 

Over a million people are already #FoodConscious. What about you?

The ExpoNet Manifesto