Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Nel Padiglione Eataly di Expo Milano 2015 inaugurata la mostra “Il tesoro d’Italia" a cura di Vittorio Sgarbi. Una celebrazione della biodiversità culturale italiana

22 mag

Tesori italia sgarbi

È stata inaugurata venerdì 22 maggio all’interno di Expo Milano 2015, nel Padiglione di Eataly, la mostra “Il Tesoro d’Italia”, a cura di Vittorio Sgarbi per celebrare le meraviglie artistiche del nostro Paese con una ricca selezione di opere, circa 350, da Tiziano a Gaetano Pesce. La rassegna vuole evidenziare e proporre ai visitatori una parte dell’inestimabile patrimonio culturale regionale italiano, con un focus su 25 artisti attuali, uno per ogni Regione d’Italia. Alla conferenza stampa hanno partecipato Oscar Farinetti, Giuseppe Sala (Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015), Lucia De Cesaris (vice Sindaco del Comune di Milano), Vittorio Sgarbi (Critico d’arte) e Francesco Scoppola (Direttore Generale delle Belle Arti e Paesaggi del Ministero).
 
 
Orgoglio e soddisfazione nel celebrare la biodiversità artistica italiana
 
Farinetti si è detto orgoglioso dell’iniziativa: “Quello che è stato fatto è incredibile, Eataly non è solo un ristorante, ma un luogo dove si celebra la biodiverstità italiana: agroalimentare, umana, paesagistica e artistica. Abbiamo il 70% del patrimonio artistico del mondo, ma ora vogliamo dimostrare che l’Italia ha anche la maggiore biodiversità artistica del mondo. Il nostro è un dono che facciamo ai visitatori, chi vuole venire qui a vedere le opere, non deve pagare nulla, neanche il prezzo di un caffè. Vi segnalo in particolar modo, le opere degli artisti Vittorio Nocera e Pier Paolo Perretta. E ringrazio Sgarbi, solo lui poteva aiutarci a realizzare questa mostra, il suo sforzo è stato immane”. Anche De Cesaris è soddisfatta: “Expo Milano 2015 vuole nutrire il Pianeta” ha affermato il vice Sindaco. “L’Italia però può farlo solo promuovendo anche l’arte”. Sgarbi, in particolare, nel suo intervento ha voluto porgere i suoi ringraziamenti a Francesco Coppola “senza il quale non avremmo avuto tutti i permessi necessari per la realizzazione della mostra”.
 
350 capolavori che celebrano l’arte italiana nel mondo
 
Nello spazio espositivo è presente una ricchissima selezione di opere d’arte provenienti da chiese, musei, istituzioni e importanti collezioni private. La scelta delle opere, dal Medioevo all’arte contemporanea, è stata ispitata dalla Regione di orgine dell’artista: Agostino da Lodi, Ludovico Carracci, Renato Guttuso, Lorenzo Bernini, Giovanni da Nola, sono solo alcuni degli artisti selezionati da Sgarbi. Numerosi anche gli artisti viventi presenti nella mostra: Piero Guccione, Giuseppe Gallo, Pizzi Cannella, Enzo Cucchi, Andrea Martinelli, Enrico Castellani, Carol Rama, Giò Pomodoro. 
 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015