Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Manifestare la nutrizione. Oltre 40 organizzazioni scientifiche a Padiglione Italia per condividere le basi della cultura della nutrizione

8 ago

Mainfestare la nutrizione dettaglio

Una giornata di lavoro che ha coinvolto oltre 40 organizzazioni scientifiche, universitarie, fondazioni e associazioni di cittadini e pazienti interessati alle problematiche nutrizionali sia di tipi clinico che preventivo. L’obiettivo quello di gettare le basi per una cultura della nutrizione che ad oggi non è diffusa nel nostro Paese. I partecipanti sono anche i protagonisti del "Manifesto delle Criticità in Nutrizione clinica e preventiva per il 2015-2018. Le prime 10 sfide italiane”, che analizza e propone linee di intervento per problematiche come sovrappeso e obesità, diabete mellito di tipo 2 e disturbi dell’alimentazione.
 
I protagonisti

All’evento hanno partecipato, tra gli altri, Lucio Lucchin, organizzatore della giornata e Coordinatore scientifico del Manifesto delle Criticità in Nutrizione clinica e preventiva, Enzo Grossi, Advisor scientifico di Padiglione Italia e Fondazione Bracco, Cesare Vaciago, Direttore di Padiglione Italia e Giuseppe Ruocco, Direttore Generale per l’Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione del Ministero della Salute. “La diffusione epidemica di errati stili di vita, che costa attualmente in Italia non meno di 30 miliardi di euro all’anno per quelli connessi alla nutrizione, rischia di diventare fuori controllo in pochi anni se non si apportano correttivi concreti - ha spiegato Lucio Lucchin -. Ai 5 milioni di obesi  presenti sul territorio nazionale, si contrappongono 3 milioni di malnutriti negli ospedali, 4 milioni di anziani sarcopenici quasi ignorati e 6 milioni d’individui in povertà assoluta, di cui 1,5 milioni sono bambini. Sono dati che meritano attenzione e tematiche che non possono essere affrontate efficacemente se non con strategie globali: serve, quindi, un coinvolgimento multiprofessionale di scienziati, professionisti sanitari, politici, amministratori pubblici, cittadini. La strada da percorrere è quella di ridimensionare i legittimi particolarismi di parte, convergendo in una mediazione condivisa e finalizzata a fronteggiare concretamente i problemi”.
 
Il futuro della nutrizione

I lavori sono continuati per tutto il pomeriggio con tavole rotonde dedicate al futuro della nutrizione clinica e preventiva e al ruolo dell’associazionismo. Per le conclusioni finali sono intervenuti Lorenzo Maria Donini, Presidente della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento alimentare e Francesco Leonardi, Vice presidente Food Education Italy FEI. Al termine dei lavori è stato emesso un take home message per diffondere a livello più globale i contenuti emersi dalla giornata.
 
 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015