Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

A Expo Milano 2015 i risultati di Brasil proximo, un programma di cooperazione internazionale dei governi brasiliano e italiano con cinque Regioni

7 set

Brasil Proximo immagine dettaglio

In occasione del National Day del Brasile a Expo Milano 2015, celebrato oggi 7 settembre, sono stati presentati all’Auditorium del Padiglione Brasile i risultati di “Brasil proximo. Cinque regioni italiane per lo sviluppo integrato in Brasile”, un programma di cooperazione internazionale sviluppato in partnership tra i governi brasiliano e italiano. Brasil Próximo ha coinvolto cinque regioni italiane (Umbria, Marche, Toscana, Emilia Romagna e Liguria) per costruire un network di politiche, opportunità e interventi relativi ai temi chiave di Expo Milano 2015. Grazie alle attività previste nel programma, le Regioni brasiliane possono apprendere dall’esperienza delle Regioni italiane nella diversificazione delle produzione e nei servizi per la crescita della piccole e medie imprese. Il programma era cofinanziato dal Ministero degli Affari Esteri. La presentazione è stata moderata da Mauro Pianesi, responsabile dei rapporti internazionali e della cooperazione della Regione Umbria. Erano presenti Henrique Eduardo Lyra Alves, Ministro del Turismo brasiliano, Marina Sereni, Vice Presidente della Camera dei Deputati, Paulo Cordeiro de Andrade Pinto, Console Generale del Brasile a Milano e Alessandro Gaudiano della direzione generale del Maeci.
“Ho sempre ritenuto che la gestione pubblica debba essere decentrata e focalizzata sulla città – ha esordito Alves -. I risultati ottenuti sono il frutto di una pianificazione rigorosa e programmata , per cui i risultati sono maggiori della somma dei fattori, e tutti i partecipanti en escono rafforzati, Abbiamo fatto vedere al mondo che questo connubio è possibile, che la pasta può accompagnarsi alla fejoada, che samba e tarantella possono stare insieme”.
Il 2015 un anno cruciale per la cooperazione internazionale
“Il 2015 è stato un anno cruciale per la cooperazione internazionale – ha spiegato Marina Sereni -. A luglio si è parlato di aiuti allo sviluppo ad Addis Abeba, mentre nei prossimi mesi a New York si discuteranno gli obiettivi di sviluppo sostenibile e a Parigi ci sarà il Cop 21. A questi importanti appuntamenti aggiungo senz’altro Expo Milano 2015, che è stata una grande occasione di confronto e culturale. In Italia, inoltre, è entrata in vigore di una nuova legge che prevede un approccio più decentrato alla cooperazione. Nel primo anno di attuazione, è importante far tesorodi queste esperienze concrete e avanzate come quella di Brasil Proximo”.
In questo progetto sono stati investiti 7 milioni di euro da Stato e Regioni e 10 milioni di reais dal Governo Federale Brasiliano.
Proprio ieri Matteo Renzi, Presidente del Consiglio, all’incontro in sostegno del World Food Programme, ha promesso che la cooperazione internazionale sarà sempre più finanziata.
“Quest’esperienza ha mostrato le potenzialità dell’approccio concettuale ai temi dello sviluppo locale. Il 28 settembre i risultati saranno presentati al Palazzo Planalto a Brasilia, dove si dibatterà di quali strumenti e quali modelli trattenere perché le competenze sviluppare non vadano perse”.
L’evento si è concluso con la proiezione del video “Brasil Proximo-Comida para o Futuro”. In cui i protagonisti stessi raccontano il programma,  e da uno spettacolo di musica, danze e racconti di storie con le giovani dell’Associazione di Rio de Janeiro “SER -  Se essa rua fosse a minha”, un’associazione nata agli inizi degli anni Novanta per sensibilizzare la società civile e la pubblica amministrazione sui “meninos da rua”.
 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015