Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

“Oggi gli sportivi mangiano meglio”. Il campione del mondo Kristian Ghedina a Expo Milano 2015 per parlare delle relazioni tra alimentazione e sport

1 ott

ghedina dettaglio

Si è svolto giovedì 1° ottobre a Piazza Beretta 1812, lo spazio del Salumificio Fratelli Beretta, Sponsor Ufficiale Salumi Expo 2015, l’incontro tra Kristian Ghedina, il più vittorioso discesista italiano nella storia della Coppa del Mondo di sci alpino e il giornalista Stefano Vegliani, dove il campione ha raccontato molti aneddoti della sua carriera e rivelato i segreti del suo successo costruito con tenacia e impegno, ma anche con tanto divertimento.

Quando ero in giro per il mondo mi adattavo alle cucine del luogo

Durante il talk, il celebre sciatore si è soffermato sulle abitudini alimentari seguite durante i tanti anni di agonismo: “A dirvi la verità, quando ho iniziato ad andare forte sulle piste, lavoravo sodo e avevo sempre fame. Mangiavo tanto, ma senza seguire una dieta. Oggi c’è una sensibilità diversa. L’alimentazione degli sportivi è cambiata. Si mangia bene, si mangia sano. Si studiano le prestazioni degli atleti in modo preciso e si conoscono i regimi alimentari che danno prestazioni elevate. Io e la squadra di cui facevo parte seguivamo i corsi dei dietisti, ma non eravamo maniaci. Oltretutto, quando eravamo in giro per il mondo, non avevamo un cuoco che ci seguiva e dovevamo adattarci alle cucine del luogo!”.

Al termine il campione si è concesso al pubblico per la firma degli autografi

Ghedina ha raccontato della sua prima vittoria, ottenuta a vent’anni sulla pista di Cortina che praticava di più durante l’infanzia e dell’incidente automobilistico che lo ha visto coinvolto nella primavera del 1991:”Sono stato anche in coma farmacologico per qualche giorno. Ci ho messo quattro anni di riabilitazione e di impegno per tornare sul podio” ha commentato lo sciatore. Al termine dell’incontro, il campione del mondo si è concesso al pubblico per la firma degli autografi e per gli scatti fotografici.
 
 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015