Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

“I Kilowatt della Moda”. I giovani creativi del Ghana hanno presentato la loro rivoluzione tessile tra tradizione e modernità

24 ott

Kilowatt Moda dettaglio

Tra i grandi beneficiari del forte sviluppo del Ghana di questi ultimi anni vi è il settore tessile. Per illustrare questo nuovo scenario è stata organizzata una conferenza che ha presentato “I Kilowatt della Moda. Come l’energia creativa promuove modelli culturali di sviluppo sostenibile” dedicata al progetto ghanese vincitore del bando “Energy Art and Sustainability”.
 


Tra i relatori anche Albina Assis Africano e H.E. Nkosazana Dlamini-Zuma

L’incontro si è tenuto nel pomeriggio del 23 ottobre al Media Centre in una conferenza moderata da Ettore Mazzotti (Direttore Lombard - Class Editori Group) e a cui hanno partecipato molte personalità importanti. Erano presenti H.E. Nkosazana Dlamini-Zuma (Presidente Commissione Unione Africana), Albina Assis Africano (Commissaria Generale Angola e Presidente Steering Committee per Expo), Pasquale Salzano (Direttore Affari Istituzionali Eni). Sono intervenuti Martin Ata Boateng (Capo produzione), Oheneba Nana Yaw Afforo Boamah (Stilista), Chantell Dapaah (Modella) Stephen Kojo Owusu (creativo), Peter Ahiekpor (Rappresentante istituzionale) e Michelle Ngonmo Njilla (Responsabile progetto).

Per lo sviluppo dell’Africa bisogna puntare sull’emancipazione femminile

“È meraviglioso essere qui nel cuore del luogo in cui si parla di sostenibilità e di Africa” ha dichiarato H.E. Nkosazana Dlamini-Zuma “Sono contenta di aver visitato i Padiglioni e di aver conosciuto il cibo caratteristico di ogni Paese ”Il nostro continente è ricco, ma noi vogliamo fare di più. Non vogliamo essere solo fornitori di materie prime, ma aggiungere valore alle nostre risorse naturali. Dobbiamo investire. Il nostro invito è di guardare al nostro continente in modo diverso. Sono impressionata dal ruolo che le donne africane hanno avuto qui, è chiaro che è importante investire nell’emancipazione della donna per sviluppare un Paese”. Anche Pasquale Sarzano, nel suo intervento, ha posto l’attenzione sul tema dell’emancipazione femminile in Africa: “È fondamentale riconoscere i diritti alle donne perché lo sviluppo sostenibile e la crescita economica non possono essere raggiunte se una parte così importante della società è esclusa dal progresso”
 
La moda afro metafora del connubio fra tradizione africana e influenze moderne

Il Ghana oggi è in piena trasformazione grazie a una condizione di stabilità duratura e a un sempre migliore accesso all’energia. Protagonista dell’incontro è stato l’abbigliamento che rappresenta un’efficace metafora del connubio fra tradizione africana e influenze moderne. Lo stilista Yaw Afforo Boamah ha dimostrato di saper mantenere i bellissimi tessuti tradizionali reinventandoli in chiave contemporanea con una vera e propria dimostrazione di sartoria finissima tenutasi sul palco dell’Open Plaza di Expo Milano 2015. Con la linea di moda “Abrantie The Gentlemen”, lo stilista ha sapientemente unito la tradizione africana di tessuti e fantasie e il taglio moderno realizzati per una nuova classe sociale in espansione. Tutto ciò anche grazie a un migliore accesso all’energia che ha permesso uno slancio dinamico al Paese.

Al termine dell’incontro, alle 18.30, si è svolto lo spettacolo Atse Tewodros Project, una performance etiope dove tra tradizione e modernità si sono fuse insieme per valorizzare la biodiversità dell’Etiopia. La serata si è conclusa con una degustazione di piatti tipici del Ghana.
 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015