Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Gualtiero Marchesi

Il Marchesino, Milano

Gualtiero Marchesi

Gualtiero Marchesi nasce a Milano nel 1930 nell’albergo “Mercato” dei genitori.  Dopo importanti esperienze all’estero, inaugura nel 1977 il suo ristorante a Milano, in via Bonvesin de la Riva. 
È stato il primo cuoco in Italia a ricevere le tre stelle Michelin  (1985) e il primo al mondo a rifiutare il giudizio delle guide (2008). Fa parte delle principali associazioni mondiali che promuovono l’alta cucina: Les Grandes Tables du Monde, Les Grands Chefs Relais & Chateaux, Le Soste. Nel 1990, a conferma del ruolo che riveste nell'ambito internazionale, viene fregiato dal ministro della Cultura e della Comunicazione Francese J.Lang, dell'onorificenza di "Chevalier dans l'ordre des Arts et des Lettres". Ha ricevuto Innumerevoli riconoscimenti e premi. Nel settembre 1993 trasferisce il “Ristorante Gualtiero Marchesi” a Erbusco e da oltre vent'anni si dedica alla diffusione della cucina italiana nel mondo anche avviando ristoranti in Giappone, Inghilterra, Russia e Francia. Nel gennaio 2004 apre i battenti ALMAScuola Internazionale di Cucina Italiana, fortemente voluta da Gualtiero Marchesi il quale nel ruolo di Rettore guida e stimola l’intera équipe. 
Nel maggio 2008 apre nel Teatro alla Scala il Ristorante il Marchesino. Nel 2009 riceve a Madrid il Grembiule d’oro insieme ad altri dieci cuochi internazionali che hanno influenzato la cucina dell’ultimo decennio. Nel 2010 dà vita alla sua Fondazione che persegue l’insegnamento del buono e del bello attraverso tutte le arti, e che realizza una grande antologica “Gualtiero Marchesi e la Grande Cucina Italiana” ospitata a Milano e a Bruxelles. Il 10 ottobre 2012 l’Università degli Studi di Parma gli conferisce la Laurea magistrale Honoris Causa in Scienze Gastronomiche. 
Il 31 dicembre 2013 lascia la Franciacorta dopo 20 anni per aprire, nel prossimo autunno, un ristorante e un albergo nel Castello di Conturbia. Il 18 giugno 2014 inaugura l’Accademia Gualtiero Marchesi in via Bonvesin de la Riva numero 5, l’indirizzo da cui tutto ha avuto inizio e che rappresenta un vero e proprio “Ritorno al futuro”. Gualtiero Marchesi è uno degli Ambassador per Expo Milano 2015.
 
 
"Naturalmente ho scelto il grano perché penso che sia il prodotto che più ci rappresenta. La pasta è il nostro patrimonio forse più importante, e credo che gli spaghetti la rappresentino al massimo. Dobbiamo imparare a rispettarla di più, la pasta, perché sovente la si distrugge con tanti ingredienti, con tante salse… dei paciughi terrificanti.
La pasta che mi rappresenta di più, ed è anche forse il mio piatto preferito, sono i miei spaghetti al caviale: un'insalata di spaghetti fredda, perché io la pasta la faccio anche fredda, come d'altronde ho scoperto che a Napoli si faceva molto prima di me. Freddi e con sopra il caviale: sembra un giochino facile, con il caviale: ma non è vero! Il caviale diventa buono proprio perché ci sono gli spaghetti a sostenerlo sotto”. / "Abbiamo un territorio che si sviluppa in mezzo al mare, perciò abbiamo un microclima fantastico che ci dà prodotti unici e tante interpretazioni, le cucine del territorio. (Con Expo) abbiamo a disposizione un momento in cui possiamo veramente dimostrare quello che possiamo fare. Non quello che facciamo, attenzione: ma quello che possiamo fare."
 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015