Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Sabato in Expo Gate verranno presentati i progetti per il futuro di Piazza Castello

27 set

Milano - Via Beltrami Expo Gate / 27 settembre 10:00

Castello
Sabato 27 settembre in Expo Gate undici studi di architettura presentano le loro proposte per il futuro di Piazza Castello a Milano. L'incontro è l'ultimo di una serie cominciata a luglio dove ciascuno degli studi ha incontrato istituzioni e società civile per raccogliere e condividere idee su quello che sarà la nuova piazza dopo Expo Milano 2015. L'iniziativa, chiamata Atelier Castello, ha visto coinvolti in prima istanza il Comune di Milano e la Triennale. Per la prima volta gli architetti si sono confrontati con i cittadini, gli esperti e chiunque avesse qualcosa da dire sulla pedonalizzazione e risistemazione di una delle piazze più importanti, sia dal punto di vista storico sia urbanistico, della città lombarda.
 
Si comincia alle 10.00 con i primi 5 studi d'architettura

Nell'incontro di sabato gli undici studi presenteranno i loro progetti. Si comincia la mattina alle 10.00 con Studio Albori, Guidarini & Salvadeo, Morpurgo De Curtis, Onsite Studio e Obr Open Building Research. Guidarini & Salvadeo presenteranno i risultati di Nevicata'14, un'iniziativa che ha avuto come fulcro la consultazione via Internet, attraverso una pagina Facebook e Tumblr. “L'abbiamo chiamata 'nevicata' perché abbiamo immaginato una nevicata che azzerasse le quote, delle strade, dei marciapiedi, per cominciare a pensare in modo diverso alla piazza”, aveva spiegato Pierluigi Salvadeo a luglio.

Per Guido Morpurgo non si tratta solo della sistemazione di Piazza Castello, ma “di ripensare allo spazio pubblico oggi, al ruolo civile che la Piazza e tutto ciò che le sta attorno ricopre per Milano”.  “L'area del Castello, una delle parti più progettate della città, rappresenta un suo tema irrisolto. Il disegno attuale deriva da un progetto di fine '800, ma la piazza è tagliata in due da una strada che non ha permesso e non gli permette di essere un luogo di significato civile. Il Castello è rimasto separato dalla città”.

“Abbiamo pensato a dei raggi di verde che dal Castello si irradiano verso il centro e Milano”, spiega Paolo Brescia partner con Tommaso Principi di Obr Open Building Research. “In questa proposta non escludiamo la viabilità che secondo noi rimane essenziale per la piazza e per la città. La strada deve essere ripensata, ridisegnata per renderla compatibile con la sistemazione dei giardini. Abbiamo pensato ad una geometria radiale per questi nuovi spazi verdi che potranno essere a tema. Saranno quindi percepiti allo stesso tempo come propri da parte degli abitanti e super pubblici”.
 
Dalle 13.00 le proposte di Matteo Fantoni Studio, Park Associati, Piuarch, Attilio Stocchi, Urbana e Marco Zanuso
 
Dalle 13.00 verranno presentate le proposte di Matteo Fantoni Studio, Park Associati, Piuarch, Attilio Stocchi, Urbana e Marco Zanuso. “È un tema complicatissimo. Gli elementi da tenere presente sono molti e la cosa essenziale è quella di evitare di sprecare soldi”, aveva dichiarato Michele Rossi, partner insieme a Filippo Pagliani di Park Associati.

“Per Piazza Castello vedo un futuro indipendente dalle strutture di Expo Gate – spiegava Attilio Stocchi – non credo siano essenziali per la piazza che può invece diventare una cerniera fondamentale per la città di Milano”. Stocchi ha in mente un progetto che vede la parola “natura” come protagonista. “Natura etimologicamente significa “ciò che sta per nascere” e in questi termini esprime ciò che deve essere piazza Castello”.

Approfittando di Expo, secondo Paolo Mazzoleni che insieme a Luca Piraino è il partner di Urbana design & strategies, si è potuto chiudere questo spazio e immaginare delle strategie per quello che sarà la piazza in futuro. “Si possono quindi mettere in pratica prove guidate e intelligenti per un intero anno”.
 
Presenti anche esponenti della Triennale e del Comune di Milano

Nel corso della giornata interverranno anche Claudio De Albertis, presidente della Triennale di Milano, Alberto Ferlenga, curatore Triennale Architettura, Maurizio Baruffi, capo di Gabinetto del Sindaco di Comune di Milano, Annamaria Terafina, soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio della Provincia di Milano.
 
 
Obr 31 lug

E se allagassimo Piazza Castello? Domani le suggestioni di Obr in Atelier Castello

Domani ultimo appuntamento con gli architetti di Obr Open Building Research che chiude la prima fase di Atelier Castello in Expo Gate.

Atelier Castello 30 lug

Ripensare Piazza Castello significa ripensare al ruolo dello spazio pubblico

Oggi pomeriggio appuntamento con lo studio di architettura Morpurgo de Curtis nell'ambito di Atelier Castello in Expo Gate.

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015