Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

In Expo Gate la visione di Park Associati sul futuro di Piazza Castello

24 lug

Milano - Via Beltrami Expo Gate / 24 luglio

Expo gate dopo evento dettaglio 1280x400
La sistemazione di Piazza Castello durante e soprattutto dopo Expo Milano 2015 “è un tema complesso. Gli elementi da tenere presente sono molti e la cosa essenziale è quella di evitare di sprecare soldi”. Michele Rossi, partner insieme a Filippo Pagliani di Park Associati , studio di architettura milanese, sarà il protagonista dell'incontro di oggi nell'ambito di Atelier Castello, il progetto del Comune di Milano e La Triennale per pensare al futuro di una delle piazze più importanti della città. L'appuntamento è alle 14.30 nella sala Leonardo di Expo Gate.
 
Atelier Castello e la sua anima “partecipata”
 
Atelier Castello è un progetto partecipato per sottoporre delle proposte concrete che a settembre verranno ulteriormente elaborate. L’obiettivo dell’intero programma è di mettere a disposizione dell’Amministrazione un ventaglio di ipotesi per iniziare la discussione per la sistemazione post-Expo dell’area. “Si è iniziato un po' tardi – prosegue Rossi – occorreva ragionarci prima”, ma l'architettura partecipata è uno schema interessante. “Certo non si possono soddisfare tutti e spesso i cittadini non hanno una visione ampia, ma è giusto e anche costruttivo sentirli e capire le loro esigenze”.
 
Le infrastrutture di Expo Milano 2015 essenziali per rivitalizzare l'area
 
Milano si sta trasformando e l'Esposizione Universale è uno dei nuovi progetti che stanno ridisegnando la città. “Le infrastrutture di Expo possono rivitalizzare l'area e sarà una grande opportunità per il dopo esposizione. È una zona abbastanza vicina al centro” e può essere sfruttata con intelligenza. Secondo Rossi Milano “è la città della modernità ed è giusto che esprima questo carattere del proprio tempo. Oggi la sento più viva e più vitale rispetto a 15 o 20 anni fa nonostante la situazione economica non sia delle migliori. È l'unica città d'Italia in cui c'è fermento, attività”.
 
I prossimi incontri
 
Gli incontri di Atelier Castello proseguiranno fino al 31 luglio con Mazzoleni Piraino – Urbana (venerdì 25 luglio), Marco Zanuso (lunedì 28 luglio), Guidarini & Salvadeo (martedì 29 luglio), Morpurgo De Curtis (mercoledì 30 luglio) e Obr Open Building Research (giovedì 31 luglio).
 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015