Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Cluster

Isole, mare e cibo

Isole, mare e cibo

CLUSTER

isole

Isole mare e cibo

La natura sa cibare l’anima, coinvolgerla, stimolarla. L’idea alla base del Cluster Isole, mare e cibo è proprio quella di “nutrire l’anima” attraverso i suoni, colori e odori tipici di questo paesaggio. Lo scroscio dell’acqua, lo scricchiolio della ghiaia, il battere sul legno accompagnano il visitatore in tutta la visita restituendo l’armonia che caratterizza queste terre.
 
 
Tre oceani, storie di isole: Alessandra Sanguinetti
 
"Mayotte, Dominica e Vanuatu, ognuna nel mezzo di oceani lontani, hanno differenti lingue, religioni e storie, ma condividono tutte una affettuosa e profonda relazione con la terra. Manghi, noci di cocco, banane, ananas, alberi di cacao, avocadi, tari, alberi del pane… Tutte queste piante crescono quasi davanti alle case di tutti – sembrano non avere importanza le risorse economiche delle persone – è la terra a offrire loro un grande sostegno e un senso di autosufficienza che è tutto, ma che è andato perso nei continenti più grandi. La pasta di corallo con la quale le donne di Mayotte proteggono i loro volti, le foglie di palma e bambù utilizzate per costruire le case, gli elaborati laplap a Vanuatu, i torrenti incontaminati che si possono bere e i pesci da Dominica, tutto dipende da un equilibrio molto delicato tra la cultura e la natura, che queste isole cercano di conservare. Non dimenticherò mai quel giorno a Vanuatu, quando insieme a un gruppo di abitanti dell’isola siamo salpati per un’isoletta deserta composta da cinque miglia di paludi di mangrovie. Le donne salivano su grovigli di rami scivolosi per raggiungere l’acqua pulita, senza fango, che avrebbero guadato per ore, cercando i molluschi con i piedi. Poi, hanno piegato e intrecciato delicatamente le foglie di palma per realizzare dei resistenti e bellissimi cesti dove mettere i molluschi. Dalla spiaggia, chiacchierando, bevendo dalle noci di cocco e arrostendo il pesce appena preso, tutti salutavano la piccola barca con foglie di palma come vele, che ondeggiava lentamente portata via dal vento".
 
 
Alessandra Sanguinetti
 

Alessandra Sanguinetti

Apri e scopri di più Chiudi
Biografia
 
Alessandra Sanguinetti ha ricevuto la Guggenheim Foundation Fellowship, l’Hasselblad Foundation Grant, il Robert Gardner Fellowship e il Rencontres D’Arles Discovery Award. Le sue fotografie sono parte delle più importanti collezioni pubbliche e private, come quella del MoMA di New York, del Museum of Modern Art di San Francisco e dello Houston Museum of Fine Arts. Le sue monografie "On the Sixth Day", "The Adventures of Guille and Belinda" e "The Enigmatic meaning of their Dreams" sono state pubblicate da Nazraeli Press nel 2005 e nel 2012. La sua ultima monografia "Sorry Welcome" è stata pubblica da TBW Books nel 2013. Alessandra Sanguinetti è membro dell’agenzia Magnum Photos ed è rappresentata dalla galleria Yossi Milo di New York e dalla galleria Ruth Benzacar di Buenos Aires. Attualmente vive tra San Francisco e Buenos Aires.
 
Scheda Cluster
 
SVILUPPO DEI CONTENUTI: Università di Lingue e Comunicazione, IULM
RESPONSABILE SCIENTIFICO E COORDINATORE DI RICERCA: Vincenzo Russo
CONCEPT E LAYOUT DELLA MOSTRA: Marco Imperadori, Valentina Gallotti, Giuliana Iannaccone
AREA TOTALE:  2.535 mq
AREA ESPOSITIVA: 750 mq 
AREA COMUNE: 1.720 mq
AREA EVENTI: 315 mq
 
 
 
La struttura del Cluster
 
Una grande copertura in bambù sovrasta e unisce i due padiglioni che ospitano i Paesi Partecipanti accogliendo i visitatori in un ambiente unico per colori e atmosfera. Frasi d’ autore – da Omero a Conrad, da Cristoforo Colombo a Darwin e Melville – costellano le pareti esterne dei padiglioni evocando suggestioni di isole, mari, viaggi.
 
Al termine del percorso il visitatore si trova davanti all’area ristorativa e all’area eventi, un cubo in cui vengono proiettate immagini sottomarine: l’impressione è quella di essere realmente in acqua, di godere di un’esperienza sensoriale piena, di percepire la bellezza misteriosa delle isole e di essere a contatto con la loro affascinante quanto fragile biodiversità.
 
Ecosistemi da difendere
 
Sono piccole, lontane, diverse tra loro, ognuna ha culture, economie e livelli di sviluppo specifici: sono le isole del Pacifico, quelle dell'Oceano Indiano occidentale e quelle della regione dei Caraibi. Sono isole, certo, ma non sono isolate dalle sfide globali che tutti i Paesi devono affrontare. L’aumento delle inondazioni costiere, la salinità del suolo, l'erosione, il cambiamento nelle precipitazioni possono contaminare e ridurre le superfici agricole produttive e influire sulle attività artigianali e di pesca, intaccando la sicurezza alimentare di questi preziosi luoghi.
 
PAESI APPARTENENTI AL CLUSTER
 

Capo Verde    

Comore

Comunità caraibica (Barbados, Belize, Dominica, Grenada, Guyana, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Suriname)

Guinea Bissau

Madagascar

Maldive

Repubblica Popolare Democratica di Corea

 

La presenza ONU nel Cluster Isole, Mare, Cibo

Lo Spazio ONU nel Cluster Isole, mare e cibo dà voce ai 600 milioni di persone che vivono sulle isole. Le isole sono fondamentali per il sostentamento, il benessere e l’identità culturale di queste popolazioni isolane che rappresentano un decimo della popolazione mondiale.
A tutela della sopravvivenza di questi territori, minacciati dall’innalzamento delle acque, della loro ineguagliabile biodiversità, con specie di piante ed animali che non si trovano in nessun’altra parte del pianeta, e della loro fragile economia, soprattutto dei piccoli stati insulari in via di sviluppo (SIDS), le Nazioni Unite e i loro partner portano avanti progetti di sviluppo che sono illustrati in questo Spazio ONU.


L'ONU è presente con 18 installazioni multimediali caratterizzate da un grande cucchiaio blu. Questi Spazi ONU si trovano in varie aree di Expo e danno vita all'itinerario dedicato al tema "Sfida Fame Zero • Uniti per un mondo sostenibile".

 

Scopri gli aggiornamenti sui temi mare e clima sul Magazine di Expo Milano 2015

 

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015