Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Cluster

Cacao e Cioccolato - Il cibo degli Dei

Cacao

CLUSTER

icona cioccolato

Cacao e Cioccolato

Entrando nel Cluster del Cacao e del Cioccolato, il visitatore ha l’impressione di entrare in una giungla. Il concept trae infatti ispirazione dai luoghi in cui il cacao viene coltivato: le piantagioni delle aree tropicali e subtropicali. Le facciate degli edifici sono realizzate in un tessuto leggero e chiaro che si apre lasciando in vista i rivestimenti interni: una metafora della necessità di proteggere un prodotto prezioso e aromatico come il cacao.
 
Il Cluster del Cacao e del Cioccolato accoglie nello spazio comune una serie di pali di diverse altezze e forme, metafora degli alberi sotto i quali il cacao cresce. L’atmosfera è quella densa e accogliente di una foresta, dove la luce penetra dalle chiome degli alberi e si diffonde tra i padiglioni.
 
 
Oops… chocolate!: Martin Parr

"Mi è sempre piaciuto il cioccolato e la ragione per la quale sono un fotografo è perché sono un ficcanaso. Così quando ho avuto l’opportunità di esplorare a fondo questo soggetto, mi ci sono tuffato. In particolare ho potuto visitare il Ghana, uno dei paesi chiave per la coltivazione del cacao, dove l’intera industria ruota attorno al Ghana Cocoa Board. Con l’aiuto di questa organizzazione sono riuscito a fotografare le unità di ricerca del cacao, la produzione e a incontrare alcuni coltivatori. Ora, grazie a questa mostra per Expo Milano 2015, ho l’opportunità di condividere le mie scoperte con un vasto pubblico".
 
Martin Parr bollo img
 

Martin Parr

Apri e scopri di più Chiudi
Biografia
 
Martin Parr è nato nel 1952 a Epsom, in Gran Bretagna. È fotografo, editor, curatore, collezionista e membro dell’agenzia Magnum Photos. Ha pubblicato oltre ottanta libri che raccolgono il suo lavoro e ne ha curati altri trenta. Al momento sta realizzando una serie di volumi per Nazraeli Press. È stato direttore artistico del Festival di Arles e della Biennale di Brighton, dedicandosi alla promozione del lavoro di fotografi emergenti. Recentemente ha pubblicato i libri "History of the Photobook, Volume 3" (Phaidon) e "The Chinese Photobook" (Aperture).
 
Scheda Cluster
 
SVILUPPO DEI CONTENUTI: Università Cattolica del Sacro Cuore
RESPONSABILE SCIENTIFICO E COORDINATORE DI RICERCA: Pier Sandro Cocconcelli
CONCEPT E LAYOUT DELLA MOSTRA: Fabrizio Leoni, Mauricio Cardenas, Cesare Ventura
AREA TOTALE: 3.546 mq
AREA ESPOSITIVA: 875 mq 
AREA COMUNE: 2.541 mq
AREA EVENTI: 696 mq
 
 
 
La struttura del Cluster
 
I padiglioni, simili per dimensioni e colori, identificano il Paese Partecipante con la bandiera e il nome in facciata. Disegni, icone e immagini su pannelli raccontano le molte storie possibili sul cacao: dalla coltivazione alla lavorazione, dalla distribuzione al trasporto.
 
Il Cluster è attraversato da un percorso principale che collega l’area riservata alla degustazione e al relax all’area eventi e a quella dedicata alle performance gastronomiche.
 
L’area eventi è formata da lunghe sedute disposte a ventaglio, progettate sia per essere un parterre per il pubblico durante gli spettacoli sia per favorire un uso informale e comunitario dello spazio durante il resto della giornata. Uno spazio verde e illuminato ospita panche e tavoli per accogliere i passanti del Decumano o le persone che escono dai padiglioni.
 
Simbolo di fertilità
 
Il cacao viene coltivato da millenni da molte popolazioni precolombiane e ha avuto un ruolo centrale nell’alimentazione e nella cultura dei Maya e degli Aztechi. Tra le molte preparazioni in cui veniva impiegato dagli Aztechi una era la bevanda amara chiamata “xocolātl”. Un’altra ricetta della tradizione univa le fave di cacao al peperoncino. Usato come cibo, bevanda e moneta, il cacao divenne simbolo di energia, fertilità e vita. Dietro al cioccolato che mangiamo o sorseggiamo c’è un minuscolo frutto, quello del cacao. Più di trenta Paesi in via di sviluppo lo producono e per la loro economia rappresenta la principale fonte di guadagno.
 
PAESI APPARTENENTI AL CLUSTER
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La presenza ONU nel Cluster Cacao e Cioccolato
 
Il 90 % dei semi di cacao sono coltivati nei paesi in via di sviluppo, ma solo il 29 % della polvere di cacao e solo il 4 % del cioccolato sono lavorati localmente.
Partendo da questi dati, lo Spazio ONU in questo Cluster illustra, tra l'altro, il lavoro delle Nazioni Unite a sostegno dei piccoli produttori di cacao nei paesi in via di sviluppo per migliorarne l'accesso alle risorse, al mercato e alle tecnologie.

L'ONU è presente con 18 installazioni multimediali caratterizzate da un grande cucchiaio blu. Questi Spazi ONU si trovano in varie aree di Expo e danno vita all'itinerario dedicato al tema "Sfida Fame Zero • Uniti per un mondo sostenibile".
 
 
Scopri gli aggiornamenti sui temi dolci e cacao sul Magazine di Expo Milano 2015
 
icona Eurochocolate

Eurochocolate / Official Cocoa and Chocolate Cluster Content Provider

Con creatività e passione, Eurochocolate è leader da oltre 20 anni nell'organizzazione di eventi dedicati al Cibo degli Dei.

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015