Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Continua

Diciassettesima puntata di Belvedere in Città: la passerella di Cascina Merlata

27 gen

27 gennaio

imm dettaglio ITA belvedere in citta 26 gennaio
Diciassettesimo appuntamento con “Belvedere in Città”, il progetto realizzato da Expo Milano 2015 e Telecom Italia che, grazie a un drone volante, consente di seguire i lavori nel cantiere di Expo Milano 2015. Come ogni settimana, il drone ha sorvolato il Sito Espositivo restituendo le immagini dei lavori in corso e offrendo un'emozionante panoramica sull'area di circa un milione di metri quadri che ospiterà l'Esposizione Universale. Il drone è guidato da un pilota certificato e sorvola il cantiere durante la pausa pranzo, per non intralciare i lavori di operai e tecnici e per motivi di sicurezza.
 
 
 
Il drone decolla in una bella giornata di sole nei pressi del Padiglione Svizzera, si notano le quattro torri che conterranno acqua, caffè, sale e mele; il concept sviluppa la consapevolezza della limitata disponibilità delle risorse alimentari. Dietro le torri sorge il Padiglione, la cui struttura esterna sarà completata il 29 gennaio. Vediamo poi il Padiglione Germania, una struttura in acciaio molto solida che riprodurrà un paesaggio collinare con piante stilizzate. Alla sua destra compare la caratteristica sagoma del Padiglione Kuwait, che l’architetto Italo Rota ha voluto ispirare ai dhow , imbarcazioni caratteristiche del Golfo Arabico. Ecco poi una bella panoramica della parte sud del Decumano, con a destra il Padiglione Qatar, il Cluster Cereali e Tuberi con il caratteristico tetto a “camino”, il Padiglione Cile, il Padiglione Slovenia e una Area di Servizio. Il drone inquadra poi il quadrante sud est del Sito Espositivo. Notiamo la passerella che collega l’Esposizione Universale al quartiere di Cascina Merlata, dove saranno collocati alloggi di servizio, parcheggi e uno dei tre ingressi per il pubblico. La passerella scavalca la autostrada A4 e la ferrovia Torino Milano, all’altezza dello scalo ferroviario di Fiorenza. A sinistra spicca in tutta la sua estensione l’Open Air Theater, che ospiterà fino a 11.000 spettatori; ricavato da uno scavo, le sedute digradano verso il grandissimo palco coperto, su cui saranno installati dei pannelli solari.
 
Completata la vela di vetrate sul tetto di Palazzo Italia
 
Una nuova inquadratura ci porta sul Cardo nord. A sinistra si nota l’avanzamento del Padiglione Francia, caratterizzato da carpenteria in acciaio dipinta di rosso. Di seguito il Padiglione Israele, di cui è stata completata la struttura in acciaio bianca. Prospicenti al Cardo si notano le carpenterie metalliche del Padiglione Italia, leggermente più avanzate le strutture sul lato ovest, che ospiteranno le aree dedicate al vino e alla UE. Le immagini dall’alto mostrano il completamento dell’applicazione delle vetrate sulla vela che ricopre il tetto. Il drone sorvola quindi l’area a est del Cardo, dove spiccano le architetture dei Padiglioni Corporate e cioè, da sinistra a destra: il Padiglione New Holland, dal tetto inclinato, il Padiglione Vanke, in cemento rosso, il Padiglione Coca Cola, in legno scuro, il Padiglione Alitalia Etihad, dalla forma rettangolare e infine il Padiglione circolare di China Corporate United. Sorvolando poi la parte nord del Decumano, il drone passa in rassegna il Padiglione della Repubblica Ceca, completato nella struttura esterna, il Padiglione Bahrein, caratterizzato dalle forme bianche di un oasi, e il Padiglione Angola, dalla struttura in legno ormai completata. Scorrendo ancora lungo il Decumano, ecco comparire il Padiglione Brasile, che ha completato uno dei due manufatti di cui è composto, poi le prime strutture in legno del Padiglione di Save the Children e infine il Padiglione della Repubblica di Corea, caratterizzato da travi in acciaio gialle.
 
 
Quasi completata l’impermeabilizzazione del Padiglione Zero
 
Una nuova immagine mostra i progressi del padiglione Belgio, disegnato dallo studio Patrick Genard and Asociados. Sulla destra si innalza il Padiglione Zero, dalle imponenti pareti in legno, di cui è stata quasi completata la posa della guaina di copertura. Le immagini si concludono con un’ultima inquadratura di palazzo Italia, disegnato dallo Studio Nemesi.
 
 
imm somm 100 OK ita belvedere in citta 19 gennaio 21 gen

Mancano 100 giorni a Expo Milano 2015: guarda l’avanzamento del cantiere su Belvedere in Città

Sedicesima puntata di “Belvedere in Città”, il progetto di Expo Milano 2015 e Telecom Italia che segue il cantiere dell’Esposizione Universale grazie alla videocamera di un drone volante. 

Imm somm ITA belvedere in citta 12 gennaio 14 gen

Riparte Belvedere in Città, il drone di nuovo in volo sul Sito Espositivo

Quindicesimo appuntamento con “Belvedere in Città”, il progetto realizzato da Expo Milano 2015 e Telecom Italia che consente di seguire, attraverso l’utilizzo di droni, l’avanzamento dei lavori nel cantiere.

I nostri soci

Official Global Partners

Le iniziative a supporto di Expo Milano 2015