Cluster Zone Aride

L'agricoltura e l'alimentazione delle zone aride

icoAride

aride_cover
Steppa, pietra, sabbia: l’aridità ha mille sfumature e il Cluster Zone Aride ha saputo raccontarle tutte. Nello spazio si sono incontrati Paesi dalle culture più diverse, irripetibili come le dune del deserto, ma accumunate da un’unica storia, fatta di uso sapiente delle risorse e incrollabile fiducia nel futuro. Idealmente, i Paesi del Cluster rappresentavano una lunga fascia di Pianeta, dall’Atlantico all’Oceano Indiano, passando per il Mediterraneo e il Mar Rosso. Territori che videro nascere le civiltà più antiche e che oggi affrontano sfide fondamentali per il loro futuro e per quello del Pianeta.

Il riposo dopo la tempesta

La visione del mondo di un uomo del deserto è popolata da due elementi fondamentali: le tempeste da cui ripararsi e le oasi in cui trovare riparo. Il Cluster Zone Aride ha voluto dare a tutti i visitatori di Expo Milano 2015 la possibilità di vivere in prima persona questo mondo. Lo spazio era strutturato per ricreare l’impressione di attraversare una tempesta di sabbia, addentrandosi in passaggi stretti dove la visuale era ridotta al minimo. Giunti all’interno, si poteva percepire una sensazione di pace e riposo. Al centro sorgeva una delle installazioni del percorso Sfida Fame Zero realizzato dalle Nazioni Unite su tutto il Sito Espositivo, che qui spiegava i nodi della sicurezza alimentare nelle Zone Aride. Tutt’attorno erano esposte su grandi pannelli le immagini del maestro del reportage George Steinmetz.

La cultura e i sapori del deserto

Sagomati come grandi rocce, sul perimetro del Cluster sorgevano i Padiglioni dei Paesi che vi appartenevano. Una volta varcata la soglia di ognuno, il visitatore scopriva le ricchezze sconosciute dei territori aridi: artigianati antichi e innovative tecnologie di irrigazione, paesaggi incantati e musiche ipnotiche, carovane di dromedari e città millenarie. Molti Paesi offrivano anche un assaggio dei loro piatti tipici, permettendo al visitatore di stupire i propri sensi con sapori e aromi inaspettati, piccanti e speziati, pieni della forza inesauribile del sole del deserto.

Scopri i Paesi appartenenti al Cluster Zone Aride nell’archivio di Expo Milano 2015

Eritrea: “Rigogliosi nelle Zone Aride: l’esperienza dell’Eritrea”
Gibuti: “Il Paese dai mille e un sapore”
Mauritania: “Le colture irrigate all’ombra dei palmeti nelle zone aride del deserto e l’alimentazione casearia”
Mali: “Sicurezza alimentare nel contesto del cambiamento climatico, dell’innovazione contadina e della gestione sostenibile delle risorse naturali”
Palestina: “Antico come un albero d’ulivo, giovane come il suo frutto”
Senegal: “Produrre, nutrire e proteggere: le sfide della sicurezza alimentare e dello sviluppo sostenibile in Senegal”
Somalia: “L’abbondanza da poca acqua: Somalia – i suoi animali, i suoi profumi”
Giordania
: “Sicurezza alimentare e biodiversità: iniziative in Giordania”