Bielorussia

Dove la ruota della vita ti accoglie come se fossi a casa

50_H_0014_BIELORUSSIA.png;filename_=UTF-8''50_H_0014_BIELORUSSIA

Il Padiglione della Repubblica di Belarus si presentava come una tondeggiante collina erbosa, divisa in due parti perfettamente simmetriche da una grande ruota di un mulino alto ben 30 metri. Dentro la collina, idealmente, era nascosta una miniera di salgemma, il prezioso e abbondante elemento presente nel sottosuolo bielorusso. Una stradina stretta passava attraverso il Padiglione, esattamente al centro: il varco rappresentava il canale di un fiume che accompagnava i visitatori verso la ruota e verso l’acqua e cioè, metaforicamente, verso la vita.

Il settore agroalimentare è importante per il Paese. Il trattore ne era il simbolo
Davanti al Padiglione erano posizionati due elementi importantissimi per l’economia e la cultura bielorussa: una grande macina a pietra, utilizzata per macinare i cereali e un trattore che simboleggiava l’importanza del settore agroalimentare per il Paese. Inoltre, proprio accanto all’ingresso del Padiglione, era stato pensato un angolo dedicato agli spettacoli, dove i gruppi folkloristici del Paese si esibivano frequentemente davanti a un chiosco di legno realizzato all’aperto dove gustare alcune delle specialità del Paese sorseggiando vodka. Nella prima sezione della struttura, sulla sinistra, i visitatori entravano nello spazio espositivo, in cui erano presenti schermi multimediali e touch screen in lingua italiana, russa e inglese che davano la possibilità di scoprire numerose curiosità sul ciclo della vita e delle stagioni in Belarus, sulle bellezze del Paese e sulle eccellenze gastronomiche che esso offre. La Bielorussia è un Paese poco conosciuto, ma meraviglioso. Un terzo del suo territorio è costituito da foreste, possiede 10 mila laghi, 20 mila fiumi e ospita nel suo territorio 81 specie di animali e 308 specie di uccelli. La sua economia è incentrata sull’estrazione delle risorse minerarie e su raccolto di cereali, patate e lino con cui vengono realizzati bellissimi tessuti dai motivi geometrici.

La cucina bielorussa. Un concentrato di deliziose leccornie a base di patate
Nella seconda parte del Padiglione, sulla destra, era collocato il ristorante che offriva alcuni degli eccellenti piatti della cucina tipica come il kalduny e il draniki, due vere e proprie prelibatezze realizzate con patate oppure delle eccellenti insalate d’orzo cotte in Kvas, zuppe di barbabietola, pancake ripieni di cane di maiale, deliziosi carpacci di rapa rossa, patate al cartoccio e insalata di pollo. La cucina bielorussa usava largamente le patate in mille preparazioni diversi, ma anche carne, insaccati, funghi e pesci d’acqua dolce come le carpe. All’interno del Padiglione era possibile acquistare alcuni prodotti rinomati del Paese come il caviale e l’aringa, ma anche succhi di frutta come succo di betulla o di bacche di bosco, miele di tiglio, cioccolato e bottiglie di Kbac, una bevanda simile alla birra realizzata con il grano.

Scopri il Padiglione Bielorussia nell’archivio di Expo Milano 2015