Paesi Bassi

Un luogo in cui regna il divertimento e la convivialità dei veri festival olandesi

Wappen Holland_0

DETTAGLIO_Olanda.jpg;filename_=UTF-8''DETTAGLIO_Olanda
Il Padiglione dei Paesi Bassi era completamente all’aperto. La scelta di costruire questo tipo di struttura è stata dettata principalmente dal tema, quindi dal desiderio di riprodurre l’ambientazione tipica delle fiere. Quello che ne è derivato è un luogo divertente, stimolante e accogliente. “Share, Grow, Live” – condividere, crescere e vivere – sono i temi con i quali l’Olanda ha risposto al tema di Expo Milano 2015 e ha presentato la ricchezza del proprio territorio e il loro progresso tecnologico. Con il concetto di “condivisione” il Paese afferma che le soluzioni alle sfide globali richiedono la collaborazione internazionale e la condivisione delle conoscenze e delle risorse da parte di tutti. Il concetto di “crescere” è stato espresso attraverso la ricchezza del territorio olandese, dal quale deriva lo sviluppo tecnologico, economico e sociale del Paese. Mentre quello di “vivere” è stato dimostrato dal numero di persone che cercano una qualità della vita sempre più elevata.

Una perfetta atmosfera di festa e condivisione
Il Padiglione era formato da una serie di camioncini, detti food truck, nei quali era possibile assaggiare i prodotti tipici olandesi. Il primo era quello del pancake o poffertjes a cui seguiva quello in cui vengono preparate le tradizionali patatine fritte, le dutch fries, e le meatballs, una sorta di polpette anch’esse fritte; il tutto immerso in una atmosfera di festa, in cui le luminarie e i concertisti che si susseguivano sul palco del Padiglione rispecchiavano perfettamente l’anima dei tipici festival olandesi. A questo punto, i visitatori erano chiamati a scoprire i contenuti della prima tenda, quella più importante, in cui venivano svelati gli aspetti del progresso tecnologico nel settore agroalimentare olandese. Un hotel a 3 stelle per  i polli e le galline e dei videogiochi per combattere la noia e l’aggressività dei maiali, erano una simpatica espressione della tutela della salute degli animali destinati alla produzione alimentare. L’innovazione, le nuove fonti alimentari e lo sviluppo tecnologico sono per l’Olanda il cuore della crescita e delle strategie per il futuro.

Il labirinto degli specchi: imparare divertendosi
Una seconda piazza con i food truck accoglieva i visitatori con profumi e piatti tutti da gustare. Il camioncino dei worstenbrood, il pane con la salsiccia tipico del paese che ha dato i natali a Vincent Van Gogh, e quello della ABC , alternative burger collective, in cui viene preparato l’hamburger di alghe, erano le attrazioni principali di questa zona del Padiglione insieme a quello Just Say Cheese con tutti i più famosi formaggi olandesi. Una seconda tenda spiegava tutte le tecnologie promosse dall’Olanda per sostenere le pratiche agricole e la produzione alimentare, ma questa volta sotto forma di giostra: un labirinto di specchi in cui si riflettevano le parole chiave dello sviluppo sostenibile.

Un drink per raccontare l’economia circolare
La molina, una ruota panoramica convertita a ristorante, era il cuore del divertimento consapevole del Padiglione dei Paesi Bassi. Per spiegare l’economia circolare attraverso il divertimento e l’intrattenimento, il Padiglione dei Paesi Bassi ha proposto la consumazione di cibi e bevande con la ruota panoramica in movimento. Proseguendo i visitatori potevano rifornirsi d’acqua con il sistema Join the pipe, per cui all’acquisto di una bottiglietta corrispondeva la spedizione di una seconda nelle scuole povere in Africa. La visita al Padiglione Holland terminava con lo shop, dove era possibile trovare i prodotti tipici olandesi, tra cui vari tipi di formaggio e i wuffel al caramello, una terrazza e con De Kas, il ristorante dalla caratteristica forma di serra.

Scopri il Padiglione Paesi Bassi nell’archivio di Expo Milano 2015